Cosa ne sarà di Kultkicker Hinti?

  1. Pagina iniziale
  2. unità

Creato:

Von: Ingo Durstewitz

Il clamore sull’Eintracht Francoforte è ininterrotto, ma il lavoro artigianale sulla squadra è iniziato da tempo, con dispiacere di Martin Hinteregger.

Francoforte – Anche quello. Ora anche Polterkönig Uli Hoeneß è diventato un fan del unità uscito “Francoforte è un piccolo modello per tutti noi, che puoi spostare le montagne in collaborazione con la base di fan e l’intero ambiente”, ha detto il coriaceo bavarese in vista del fantastico viaggio degli Assia attraverso l’Europa, iniziato mercoledì con il trionfo in Europa League è stato incoronato. “Sono stato davvero felice”, ha detto il presidente onorario di Monaco. “L’Eintracht ha rappresentato bene il calcio tedesco e ha mostrato meravigliosamente ciò che puoi ottenere con grande energia e grande empatia. Questo è un bene per tutti noi.” Gridò bene, il signor Hoeneß.

L’entusiasmo non si placa a Francoforte e dintorni, domenica il direttore sportivo Markus Krösche è stato accolto con standing ovation al tavolo degli habitué allo Spor 1 di Monaco. Il club è diventato improvvisamente la figura di spicco del calcio tedesco, tutti vogliono essere come l’Eintracht, che ha sviluppato una forza interiore e l’ha portata all’esterno. Anche le persone che hanno poco o nulla a che fare con il calcio sono rimaste per le strade sotto la pioggia giovedì, aspettando che gli eroi si facessero un selfie o accarezzassero il trofeo. Anche in molte scuole di Francoforte, l’unità è integrata nelle lezioni e sono state cantate le canzoni dei club. Ci sono anche programmi settimanali per i bambini che incorporano le faccende legate al campione appena incoronato. Va con tutto il clamore: secondo i rapporti, il DFL ha in programma di giocare la partita di apertura della nuova stagione con l’Eintracht, ovviamente contro l’FC Bayern. Ha senso: da un lato tocca a lungo al Frankfurter, dall’altro questo gioco può essere commercializzato splendidamente a livello internazionale. L’armonia ha fatto irruzione nei cuori delle persone, non solo in Germania ma in tutto il continente. Il club ha ampliato la sua portata a livelli quasi incommensurabili.

READ
Nessuna nuova macchina nobile per i sauditi: Robert Lewandowski fa a pezzi la sua maledizione del gol

Eintracht Francoforte: Hauge deve consegnare ora

Ad un certo punto, però, anche il cosmo party di Eintracht continuerà a ruotare, ed è chiaro che non tutti quelli che mercoledì sono stati premiati con i metalli preziosi saranno poi lì. La squadra viene raddrizzata in molti posti e poi rinfrescata. Anche questo è urgente, la passata stagione ha dimostrato che allenatore Oliver Glasner si fida solo di una cerchia gestibile di professionisti, il nucleo della squadra è composto da 17, 18 giocatori, la cerchia più ristretta comprende forse 14 professionisti. Dietro di esso, la pendenza diminuisce bruscamente. Il fatto che la squadra funzioni è stato dimostrato anche nella finale, in cui i giocatori della seconda fila sono diventati improvvisamente importanti e hanno mantenuto la loro posizione: due di loro, Christopher Lenz e Ajdin Hrustic, hanno persino trasformato i loro rigori ai rigori con nervi d’acciaio. Rispetto. L’allenatore Glasner ha sempre sottolineato il forte spirito di squadra, altrimenti un colpo del genere non sarebbe stato possibile.

Saluti.  Martin Hinteregger nel suo elemento.  Foto: immagini Imago
Saluti. Martin Hinteregger nel suo elemento. Foto: immagini Imago © Jan Hübner/Imago Images

Eppure non tutti i giocatori potranno iniziare il viaggio verso la Champions League. Quel che è certo è che Danny da Costa e Aymen Barkok si trasferiranno all’FSV Mainz 05 a parametro zero, e lascerà anche Stefan Ilsanker, uno dei maggiori guadagni. L’austriaco non solo ha mostrato nei giorni precedenti la finale che giocatore di squadra eccezionale è, ha supportato la squadra incondizionatamente, la sua partenza lo tocca. Un po’ meno spettacolare la separazione dall’attaccante Sam Lammers, che ha floppato e tornerà nella squadra madre dell’Atalanta Bergamo. Il suo prestito è stato un costoso malinteso, l’intero pacchetto è costato all’Eintracht circa quattro milioni di euro. Ma gli errori ne fanno parte, Lammers di certo non è mai stato colpevole di nulla.

READ
"Pericolo per lo sport"? Controversa rivoluzione delle regole nel biathlon

Eintracht Francoforte: aperto il futuro di Durm

Il futuro di Erik Durm è aperto, ma restarci non ha più senso. Il difensore è ancora in parità fino al 2023, ma non è stato utilizzato nelle retrovie. Glasner lo ha risolto. Un cambio di scenario sarebbe meglio per il 30enne, anche se sta facendo buoni soldi a Francoforte.

Anche con Ajdin Hrustic non c’è alcuna garanzia che possa restare. Il sinistro ambizioso e impaziente vorrebbe giocare più spesso: all’Eintracht sarà difficile. Goncalo Paciencia e Ragnar Ache potrebbero…

Source link