“Nel 2023 Putin è in sanatorio”

Putin stesso ha ricevuto solo due telefonate da allora, e si dice che le sue apparizioni pubbliche a settimana siano vecchie registrazioni. “Non vediamo l’ora di vedere metà del cadavere di Putin mostrato al pubblico in modo che anche le ultime figure del governo russo capiscano chi prende le decisioni ed è responsabile della situazione nel Paese”. Senza l’autorità di Putin, le élite potrebbero respingere le decisioni di Patrushev e “tutto potrebbe rapidamente scivolare in una crisi politica”, secondo il “Generale SVR”. “Senza Putin, il regime di Putin è una merda informe”.

Secondo quanto riferito, Putin aveva bisogno di un intervento chirurgico urgente

Secondo il “generale SVR”, sullo sfondo della scomparsa di Putin c’è un’operazione nella notte del 17 maggio, a cui il capo del Cremlino “dovrebbe sottoporsi il prima possibile” su insistenza dei suoi medici. Il “generale dell’SVR” non ha commentato la natura dell’intervento, ma tre giorni dopo Putin sarebbe stato troppo debole per partecipare alle riunioni del Consiglio di sicurezza, si dice. Nella notte del 21 maggio, le sue condizioni sono peggiorate di nuovo e si sono stabilizzate solo la mattina successiva.

Infatti, l’ultima apparizione pubblica di Putin che può essere data per scontata è stata il 16 maggio, il giorno prima della presunta operazione. Quel giorno Putin ha ricevuto a Mosca i capi di stato e di governo delle ex repubbliche sovietiche. All’incontro con il sovrano del Tagikistan Emomalij Rahmon, Putin ha attirato l’attenzione con movimenti forti e apparentemente incontrollati del suo piede sinistro e quindi ha sparato Speculazioni su un possibile morbo di Parkinson. Ha respinto questa voce Cremlino già nell’autunno 2020 Restituzione.

READ
Ceppi delle sanzioni occidentali: gli oligarchi russi offrono soldi per la libertà
Caricamento in corso…

Immagine dell'icona del contenuto incorporato

Incorporare

“Il regime andrà in pezzi ma non andrà via”

Ma la fine di Putin alla guida del Cremlino sarebbe anche l’inizio di una democrazia Russia? L’agente dell’intelligence Richard Dearlove è scettico: “Non ci sono piani per un trasferimento ordinato del potere in Russia. Questo regime cadrà in pezzi nei prossimi uno o due anni, ma non andrà via”.

Source link