Guarda di nuovo “Con l’autopostale attraverso la Svizzera” su 3sab: ripetizione del servizio di viaggio in TV e online

Lunedì (23 maggio 2022) è andato in onda il servizio di viaggio “Con l’autopostale attraverso la Svizzera”. Tutte le informazioni sulla ripetizione di “Attraverso la mistica Val Müstair in Alto Adige” online nel centro multimediale e in TV sono disponibili qui su news.de.

Con l’autopostale attraverso la Svizzera con 3sat
Immagine: 3sat, trasmessa dalle riviste del programma FUNKE

Lunedì (23 maggio 2022) alle 20:15 è stato trasmesso in TV “Con l’autopostale attraverso la Svizzera”. Se leggi il diario di viaggio su 3sab non ho potuto guardare, ma voglio comunque vedere l’episodio 3 della prima stagione (“Attraverso la mistica Val Müstair in Alto Adige”): la mediateca 3sat potrebbe essere utile qui. Lì troverai numerosi servizi TV dopo la trasmissione online come video on demand per lo streaming. Di norma, troverai il programma online dopo la trasmissione TV. Sfortunatamente, questo non si applica a tutte le spedizioni. 3sat ripete ancora in TV “Attraverso la mistica Val Müstair in Alto Adige”: Am 24.5.2022 un 16:50 e 25.5.2022 un 4:25.

Accedi ai servizi di streaming con questa smart TV da 50 pollici di LG per meno di € 500

“Con l’autopostale attraverso la Svizzera” in TV: ecco di cosa parla “Attraverso la mistica Val Müstair verso l’Alto Adige”

La linea Engadina-Merano attraversa due paesi: collega la Svizzera con l’Italia. Dapprima l’autopostale si fa largo attraverso il Passo dell’Ofen, fino all’estremità più orientale della Svizzera. Si attraversa poi la mistica Val Müstair prima di raggiungere la meta, la stazione ferroviaria di Malles in Alto Adige. Durante il viaggio, l’autopostale percorre circa 1.000 metri di dislivello in un’ora e mezza. Lungo il percorso si parla svizzero tedesco, retoromanico, altoatesino. Non passa solo attraverso un passo, ma anche attraverso una remota valle piena di fascino originale, oltre il monastero di St. Johann, patrimonio mondiale dell’UNESCO. La zona è per molti versi speciale: parte del percorso fa parte della “Riserva della Biosfera UNESCO Engiadina Val Müstair”. Verso la fine del percorso nell’Alto Adige mediterraneo si respira un’atmosfera meridionale. Conoscerai le persone e la natura lungo il percorso. Il viaggio inizia a circa 1400 metri sul livello del mare a Zernez. L’autista dell’autopostale Tino Hohenegger percorre quasi ogni giorno la linea Engadina-Merano. Dapprima il sentiero sale, poi un po’ attraverso il Parco Nazionale Svizzero. Con la biologa Pia Anderwald e il ranger del parco Domenic Godly, puoi cercare le tracce delle volpi e fare un tour alla scoperta di tutti i tipi di animali selvatici. Tornato in autopostale, l’Ofenpasshöhe a 2149 metri è il luogo preferito di Tino, qui può vedere la sua valle: la Val Müstair, Münstertal in tedesco, Val Monastero in italiano. In cima al passo, il team televisivo incontra la biker Nicole Tschenett e l’accompagna sulle montagne sopra il percorso. Mostra le migliori piste ciclabili e la loro bellissima e colorata patria, oggetto di molte storie mistiche. Dalla cima del passo, l’autopostale si snoda poi lungo i serpentini fino a valle. All’estremità orientale della Svizzera, le persone vivono a contatto con la natura, come Gisella e Luciano Beretta, che gestiscono una piccola distilleria qui a Tschierv. Grazie al clima meridionale dell’Italia, il grano biologico di montagna e l’orzo biologico, che Gisella e Luciano utilizzano per le loro grappe, crescono ancora a circa 1800 metri di altitudine. Pochi chilometri più avanti c’è un frastuono sulla linea dell’autopostale: nella cittadina di Santa Maria, che conta 300 abitanti, si trova una delle ultime tessiture manuali della Svizzera, la Tessanda. Il mestiere si tramanda di generazione in generazione. La tessitrice Martina Marcona Moser l’ha appresa da sua madre, la tessitrice Nino, che cambia carriera, fa il pendolare ogni giorno dall’Alto Adige alla Svizzera. Solo pochi metri più avanti scorre il Rombach, che serpeggia come un’ancora di salvezza attraverso la valle parallela alla linea dell’autopostale; anche oltre il monastero di St. Johann, patrimonio mondiale dell’UNESCO. Fondata da Carlo Magno già nel 775, i suoi ultimi tutori oggi sono nove monache benedettine che qui lavorano e vivono. La chiesa custodisce il più grande e meglio conservato ciclo di affreschi dell’alto medioevo, un vero gioiello. Se prendete l’autopostale, che ferma proprio davanti al monastero, in poco meno di un chilometro raggiungerete l’Alto Adige. Diventa più mediterraneo lungo il percorso. Sopra il ripido pendio, Hans-Ueli Grunder, Nino della tessitura e Bernd Christandl vanno in cerca di farfalle. Poco prima della fine del viaggio si attraversano le mura medievali della città di Glorenza. Il pilota Tino qui deve concentrarsi particolarmente perché la porta della città è stretta. L’autopostale sta spingendo…

READ
Ci vediamo di nuovo con Franziska nella Stagione 16!

Source link