Angelique Kerber respinge i match point ed è al secondo round

La numero uno della Germania nel tennis femminile ha combattuto una lotta travolgente nel primo round del Roland Garros. Nel terzo round era già indietro di 3:5, solo per trionfare dopotutto.

Angelica Kerber cadde in ginocchio. Poi, dopo il lieto fine di una vera battaglia di nervi, la tre volte vincitrice del Grande Slam ha esclamato un forte “Vieni” tra gli applausi sfrenati del pubblico e ha animato i suoi fan su un’onda La Ola.

Due giorni dopo aver vinto il loro 14° titolo assoluto del Tour a Strasburgo l’ex numero uno del mondo si è seduto nonostante una grave falsa partenza Parigi in un vero thriller con 2:6, 6:3, 7:5 contro la polacca Magdalena Frech. Kerber era completamente esausto, aveva due palloni contro di lui e dopo 2:28 ore, dopo gli ultimi tre amari fallimenti del primo turno, stava festeggiando per la prima volta il salto al secondo turno degli Open di Francia.

Kerber: “L’atmosfera qui è fantastica”

“Oggi ho lasciato il mio cuore in campo, ho lasciato tutto quello che avevo in campo. Sono così felice di aver vinto la partita. L’atmosfera qui è fantastica. È incredibile”, ha detto Kerber Eurosport. Il titolare della wild card francese Elsa Jacquemot attende nel prossimo round.

All’inizio, Kerber non riusciva quasi a nulla. 13 errori non forzati erano chiaramente troppi nel primo set, il suo avversario ha intuito la sua occasione e ha giocato con coraggio. Ma Kerber si è ripreso, ha giocato molto più concentrato nel secondo round e ha fatto andare Frech con i suoi stop. Nel set decisivo, è tornata da uno svantaggio di 3-5. Entrambi i giocatori hanno realizzato un vero dramma del tennis. Con il finale migliore per il tre volte vincitore del Grande Slam.

READ
FCN: In coppa: prova caratteriale per il club | Gli sport

precedentemente avuto Andrea Petkovic più sicuro. Il sempreverde fuori Darmstadtche ha raggiunto le semifinali nella capitale francese nel 2014, ha fatto una bella prova nella sua prima vittoria per 6-4, 6-2 sull’eroe locale Oceane Dodin.

Source link