Cina: più nuovi casi di coronavirus che mai dall’inizio della pandemia

all’estero Nuovo blocco

La Cina sta segnalando più nuovi casi di coronavirus che in qualsiasi momento dall’inizio della pandemia

I test corona giornalieri a volte sono obbligatori in Cina I test corona giornalieri a volte sono obbligatori in Cina

I test corona giornalieri a volte sono obbligatori in Cina

Fonte: dpa/Andy Wong

Mercoledì in Cina sono state registrate 31.444 nuove infezioni da coronavirus, più che mai dall’inizio della pandemia quasi tre anni fa. Un nuovo blocco viene ora imposto nella città di Zhengzhou dopo violente proteste.

China ha riportato un picco record nei casi di coronavirus e ha imposto un blocco nella città di Zhengzhou dopo violente proteste nella più grande fabbrica di iPhone del paese. Come annunciato giovedì dall’autorità sanitaria, mercoledì sono state registrate 31.444 nuove infezioni a livello nazionale, più che mai dall’inizio della pandemia quasi tre anni fa. Ma rispetto all’enorme popolazione cinese di 1,4 miliardi, quel numero è ancora piccolo.

La Cina è l’ultima grande economia ad avere una politica anti-Covid molto rigorosa. Anche piccoli focolai di coronavirus possono portare a blocchi, persino intere città e chiusure di attività commerciali, il che mette a dura prova l’economia e la vita quotidiana delle persone.

Mercoledì, i lavoratori della fabbrica di iPhone a Zhengzhou, nella Cina centrale, sono scesi in piazza per protestare contro le dure restrizioni del coronavirus e la scarsa retribuzione. I video sui servizi online Weibo e Twitter, verificati da AFP, hanno mostrato centinaia di lavoratori che manifestavano presso la fabbrica Foxconn del fornitore Apple.

anche letto

Il ministro federale della sanità Karl Lauterbach (SPD)

Foxconn ha parlato di “violenza” in fabbrica e giovedì si è scusato per un “errore tecnico” nel sistema informatico delle buste paga. In futuro, Foxconn assicurerà “che il pagamento effettivo corrisponda a quanto pattuito”.

Le proteste sono scoppiate nella più grande fabbrica cinese di iPhone a Zhengzhou

Le proteste sono scoppiate nella più grande fabbrica cinese di iPhone a Zhengzhou

Fonte: TEAM AFP/AFPTV

Giovedì le autorità di Zhenghzhou hanno imposto un blocco in diversi distretti. Per il momento, i residenti del centro città possono lasciare l’area solo con un test corona negativo e un permesso ufficiale. Si consiglia di uscire di casa solo in casi urgenti.

In otto distretti, anche i residenti devono essere testati per il virus corona ogni giorno per cinque giorni.

anche letto

Una donna anziana si trova all'aeroporto di Seoul e parla con un robot di intrattenimento

La fabbrica di Zhengzhou è un intero complesso industriale, chiamato “iPhone City”, dove lavorano circa 200.000 persone. La maggior parte è ospitata in loco, in ampi dormitori. 600.000 persone sono state colpite da un blocco intorno al sito Foxconn che è stato imposto all’inizio di novembre. Più di sei milioni di persone sono interessate dal nuovo blocco, che si applicherà per cinque giorni a partire da venerdì, circa la metà dei residenti di Zhengzhou.

Le autorità cinesi hanno registrato il precedente massimo di 29.390 nuovi contagi a metà aprile, quando la metropoli economica di Shanghai era in lockdown.

Source link

READ
La "carne da cannone" di Putin: le reclute russe tornano a casa dall'Ucraina nelle bare