Reichsbürger: scoperta la lista dei nemici con 18 celebrità

I presunti terroristi di destra, che avrebbero pianificato un colpo di stato, avrebbero operato con liste nemiche. In uno degli imputati, dopo ”
taz
Le informazioni hanno trovato un elenco di 18 nomi. Le persone elencate sono politici e giornalisti. Tra loro ci sono sette membri del Bundestag che mercoledì mattina sono stati informati dei fatti dall’Ufficio federale di polizia criminale (BKA). Secondo la ricerca “taz”, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock (Verdi), la presidente dell’SPD Saskia Esken, il segretario generale dell’SPD Kevin Kühnert e il Politico della CDU Armin Laschet sulla lista.

Reichsbürger: scoperta la lista dei nemici con 18 celebrità

La leader dell’SPD Saskia Esken ha detto al taz dell’elenco dei nomi: “Non dobbiamo sottovalutare il pericolo rappresentato dai violenti cittadini del Reich. Queste persone non si limitano a fantasticare sulle teorie del complotto. Avevano piani concreti che erano disposti a realizzare”, ha detto Esken. Secondo le informazioni “taz” provenienti dai circoli della sicurezza, nella lista figura anche il leader del partito CDU e del gruppo parlamentare Friedrich Merz. Non ha voluto commentare la richiesta.

Secondo le indagini del procuratore generale, alcuni dei sospetti terroristi avrebbero pianificato di entrare con la forza nel Bundestag tedesco con un piccolo gruppo armato per arrestare membri del governo federale e parlamentari lì presenti. Secondo una valutazione interna della polizia del Bundestag, i potenziali pericoli derivanti dalla collaborazione delle autorità di sicurezza erano “sempre gestibili”.

Elenco scoperto prima del raid

Secondo gli inquirenti, la lista non è stata messa al sicuro questo mercoledì, ma prima dell’avvio dell’attuale procedimento. Secondo una valutazione del rischio dell’Ufficio federale di polizia criminale per il Parlamento, finora non vi sono indicazioni di un rischio specifico.

READ
Priyanka Chopra: Rivela dettagli sulla drammatica nascita di sua figlia

Interpellato da “taz”, l’Ufficio Federale di Polizia Criminale non ha voluto dire se anche i giornalisti elencati fossero informati della vicenda. Secondo le informazioni taz, almeno tre importanti presentatori televisivi di trasmissioni pubbliche sono nell’elenco protetto. Secondo le informazioni delle loro emittenti, questi non sono ancora stati eseguiti da la polizia informato in merito. Il procuratore generale non ha voluto commentare la vicenda quando gli è stato chiesto da “taz”.

Source link