Isolamento di 21 giorni per l’infezione da vaiolo delle scimmie: domande e risposte | NDR.de – Guida

Stato: 24/05/2022 15:45

Dopo casi confermati in diversi paesi europei, le prime infezioni da vaiolo delle scimmie sono state segnalate in Germania. Si consiglia alle persone infette di isolarsi per 21 giorni. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) avverte della diffusione della variante del vaiolo in Europa. Quanto è pericoloso il virus?

di Korinna Hennig e Nele Roessler

Ci sono altri tre casi di vaiolo delle scimmie in Germania – a Colonia. Lo ha riferito la città martedì. Lunedì è stata segnalata un’infezione ciascuno dal Baden-Württemberg e dalla Sassonia-Anhalt. Il primo caso tedesco è stato scoperto a Monaco, altri tre a Berlino. Il numero totale di infezioni confermate in Germania è ora nove.

Le persone infette dovrebbero essere isolate in Germania per almeno 21 giorni

Il Robert Koch Institute (RKI) raccomanda che le persone infette dal vaiolo delle scimmie siano isolate in Germania per almeno 21 giorni. Inoltre, i sintomi devono essere guariti prima che l’isolamento possa essere terminato, ha affermato martedì il ministro federale della sanità Karl Lauterbach (SPD) a margine della Giornata dei medici a Brema. La “raccomandazione urgente” vale anche per i contatti delle persone contagiate di mettersi in quarantena per 21 giorni.

Lauterbach: Devo reagire velocemente e duramente

Lauterbach aveva già chiesto un’azione decisiva contro lo spread lunedì. “L’epidemia globale di infezioni da vaiolo delle scimmie è così insolita che abbiamo dubbi sul fatto che si svilupperà come precedenti focolai di vaiolo delle scimmie”, ha detto Lauterbach. Devi reagire rapidamente e duramente ora per contenere di nuovo un’epidemia globale. Inoltre, sarebbero stati fatti i preparativi per l’eventuale approvvigionamento di vaccini. La vaccinazione della popolazione generale non è in discussione. Piuttosto, vengono prese in considerazione le raccomandazioni sulla vaccinazione per le persone particolarmente a rischio.

READ
Papa Francesco all'Aquila: l'umiltà in un luogo iconico

Schmidt-Chanasit non teme una pandemia

Secondo il virologo Jonas Schmidt-Chanasit, non si dovrebbe in nessun caso parlare di pandemia, siamo molto lontani da questo scenario. Lo scienziato del Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni di Amburgo spiegato in NDR Infoche il virus del vaiolo delle scimmie è un virus completamente diverso dal virus Sars-CoV-2. È molto più difficile da trasferire. Inoltre, finora sono noti solo pochi casi individuali. “In realtà abbiamo tutte le opportunità per contenere l’epidemia molto bene con l’isolamento e la quarantena. Un vaccino è già stato approvato ed è disponibile”, ha sottolineato Schmidt-Chanasit. “Se si verifica un caso, puoi vaccinare intorno a quel caso e quindi prevenire un’ulteriore diffusione”.

L’OMS preoccupato per la diffusione in Europa

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) avverte tuttavia della diffusione della variante del vaiolo in Europa. Il capo dell’OMS Europa, Hans Kluge, si è detto preoccupato che la diffusione del virus possa accelerare nei mesi estivi con raduni di massa, festival e feste.

Informazioni aggiuntive

L'esperto Fabian Leenerzt dell'Istituto Helmholtz di Greifswald spiega il vaiolo delle scimmie.  ©screenshot

4 minuti

La probabilità di essere infettati è molto bassa, afferma Fabian Leendertz dell’Helmholtz Center for Infection Research.
4 minuti

Le domande e le risposte più importanti sul vaiolo delle scimmie:

Da decenni si verificano focolai nell’Africa occidentale e centrale, ma ora ci sono oltre 100 casi in numerosi paesi al di fuori dell’Africa. Il vaiolo delle scimmie causato da persone infette in Gran Bretagna ha attirato l’attenzione all’inizio di maggio. Anche l’Australia, gli Stati Uniti, il Canada, il Belgio, la Spagna, la Francia e il Portogallo, ad esempio, sono ora colpiti. Il primo caso è stato registrato in Congo nel 1970 e da allora, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, si sono verificati ripetuti focolai in Nigeria, Camerun e Congo. Tuttavia, il primo paziente al di fuori del continente africano è stato segnalato solo quasi 20 anni fa.

Source link