Nessun pericolo per la ISS da una falla nella capsula spaziale

Un’unità di raffreddamento su una capsula spaziale Soyuz è stata danneggiata e si temeva un aumento della temperatura. Ora l’agenzia spaziale russa Roskosmos sta dando il via libera.

La perdita nella capsula spaziale russa Soyuz proviene dalle informazioni Mosca attualmente non rappresenta una minaccia per l’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale ISS.

“Niente minaccia la sicurezza e il comfort dell’equipaggio”, ha affermato l’agenzia spaziale russa Roskosmos a Mosca. Di conseguenza, le temperature nel modulo Soyuz MS-22 sono attualmente comprese tra 28 e 30 gradi. Questo rientra nei limiti e non è critico per il funzionamento della tecnologia. Le segnalazioni di un presunto aumento della temperatura a 50 gradi sono sbagliate, aveva precedentemente annunciato l’autorità.

Motori testati con successo

I due cosmonauti e il cosmonauta erano ancora impegnati nelle pulizie sabato e sarebbero stati liberi dopo mezzogiorno fino a lunedì, si diceva. I motori del modulo erano stati testati con successo. Al momento non vi è alcun motivo per cui l’equipaggio debba tornare in anticipo dalla ISS. Tuttavia, sono stati fatti i preparativi per il modulo danneggiato per un possibile ritorno anticipato sulla terra.

La perdita nella capsula spaziale russa è avvenuta giovedì. Oltre al rivestimento esterno, è stata danneggiata anche un’unità di raffreddamento. Una possibile causa è la collisione con un micrometeorite. A causa del difetto, è stato necessario annullare una passeggiata spaziale pianificata da due cosmonauti.

Non è ancora chiaro se la Soyuz possa essere utilizzata per il rientro dell’equipaggio a marzo. Secondo Sergei Krikalyov, capo del programma spaziale con equipaggio a Roskosmos, le indagini sulle possibili conseguenze per la missione ISS sono ancora in corso. Una decisione sull’uso della Soyuz dovrebbe essere presa in una riunione prevista per la fine di dicembre.

READ
Per conto nostro: l'Ucraina onora i giornalisti tedeschi con gli ordini al merito

Source link