Niantic sviluppa il proprio social network e la localizzazione visiva AR

Gli sviluppatori del popolare gioco per smartphone “Pokémon Go”, Niantic, stanno lanciando il proprio social network per gli utenti delle loro app. Con “Campfire” (campfire), i giocatori possono, tra le altre cose, visualizzare la propria posizione sulla mappa e organizzare un incontro per eventi. Mentre il servizio sarà inizialmente disponibile per i giochi sviluppati da Niantic, anche gli sviluppatori che configurano le loro app sulla piattaforma tecnologica di Niantic ne trarranno vantaggio in seguito.

Lanciato nel 2016, “Pokémon Go”, in cui i giocatori inseguono piccoli mostri animati con i loro smartphone, ha alimentato il boom delle app che integrano contenuti digitali in ambienti reali sullo schermo. Questo è indicato come “realtà aumentata” (AR). Niantic utilizza la tecnologia anche per altri giochi di licenze note come “Harry Potter”, ma circa due anni e mezzo dopo la sua introduzione “Wizard Unite” è stato chiuso all’inizio di quest’anno.

Il capo di Niantic, John Hanke, vede la tecnologia come un’alternativa al concetto di virtuale Il mondo “Metaverse” del fondatore di Facebook Mark Zuckerberg. “Vogliamo usare la tecnologia per aggiungere un po’ di magia al mondo”, ha detto Hanke martedì. “Non vogliamo intralciarci, il mondo è un posto piuttosto interessante”. Hanke spera in occhiali AR che visualizzino contenuti digitali direttamente nel campo visivo dell’utente.

Niantic sta espandendo la sua tecnologia AR interna con la capacità di determinare la posizione di un utente in una posizione fino al centimetro, come Niantic ha annunciato martedì. Ciò è reso possibile dalle scansioni dell’ambiente circostante e dai modelli 3D, in modo che la fotocamera possa riconoscere dove si trova lo smartphone in quel momento. Niantic chiede da tempo ai suoi giocatori di catturare luoghi specifici e inviare le immagini.

READ
Mi 12S Ultra: Xiaomi presenta uno smartphone con sensore da 1 pollice

Con la tecnologia denominata “Lightship VPS” (Visual Positioning System), gli oggetti digitali visualizzati devono essere adattati in modo più preciso all’ambiente e interagire con esso. Gli oggetti virtuali possono anche essere visualizzati esattamente nello stesso posto nelle app per più utenti. La funzione è inizialmente disponibile in più di 30.000 località di fronte al pubblico in città tra cui San Francisco, Los Angeles, New York, Seattle, Londra e Tokyo, con piani per espandersi in più di 100 città in tutto il mondo entro la fine dell’anno. (con materiale dpa) /


(fd)

Source link