Grande guadagno: le scorte di armi salgono alle stelle dopo le riprese negli Stati Uniti

Grande corso in più
Le scorte di armi salgono dopo la sparatoria negli Stati Uniti

Di Jan Ganger

Mentre gli Stati Uniti piangono le vittime della sparatoria nella scuola del Texas, le azioni dei produttori di armi stanno guadagnando valore. Non era diverso nelle furie precedenti. Cosa sta succedendo là?

Dopo ogni sparatoria negli Stati Uniti, lo schema è lo stesso: le famiglie piangono le vittime, molti americani chiedono leggi più severe sulle armi, mentre i sostenitori della lobby delle armi lo rifiutano e promettono di stare con i parenti con “pensieri e preghiere”. Allo stesso tempo, i prezzi delle azioni dei produttori di armi stanno aumentando in borsa.

Non è diverso dopo la recente sparatoria in una scuola in Texas. Lì, un diciottenne ha ucciso almeno 18 bambini e due adulti prima di essere ucciso dagli agenti. Le azioni Smith & Wesson hanno quindi guadagnato il 2,5% in valore, Sturm Ruger è salito di quasi l’1% e Vista Outdoor ha guadagnato quasi il 3%.

Era simile poco più di una settimana fa, quando un uomo con un fucile d’assalto ha aperto il fuoco in un supermercato a Buffalo, New York, uccidendo dieci persone e ferendone altre tre.

Perché? Gli investitori ipotizzano che molti americani temono che le leggi sulle armi possano essere inasprite dopo una sparatoria. E prima che ciò accada, compra (più) armi. L’aumento della domanda significa maggiori profitti per i produttori. Durante il mandato di Barack Obama, le vendite di armi sono aumentate vertiginosamente partendo dal presupposto che un democratico alla Casa Bianca potesse effettivamente far rispettare leggi più severe. Tuttavia, non si è arrivati ​​a questo.

Più di 45.000 morti per armi da fuoco

Al momento è anche molto improbabile che ci saranno effettivamente leggi più severe sulle armi negli Stati Uniti. Nessuno dei numerosi omicidi di massa degli ultimi anni ha portato a questo, poiché i politici conservatori lo hanno impedito. Temono di perdere poi il sostegno della maggioranza dei loro elettori e le grandi donazioni elettorali della lobby delle armi.

Tuttavia, la minaccia di leggi più severe non è l’unico motivo che potrebbe garantire maggiori vendite ai produttori di armi. Molti americani, sotto l’impressione di sparatorie di massa, potrebbero anche acquistare pistole e fucili per proteggersi dalla violenza. Questo porterà in circolazione ancora più armi: un circolo vizioso.

Secondo il CDC, nel 2020 negli Stati Uniti sono morte più di 45.000 persone a causa dell’uso di armi da fuoco di proprietà privata. Più della metà dei casi (24.300) sono stati suicidi. Nel complesso, si trattava di un quarto di morti in più rispetto a cinque anni prima. Non è possibile determinare esattamente quante armi siano in circolazione negli USA. Secondo lo “Small Arms Survey”, con sede in Svizzera, nel 2018 c’erano 390 milioni di armi da fuoco in circolazione, con quasi 327 milioni di abitanti.

Source link

READ
Ispirazione per il viaggio di Habeck: l'economia tedesca vede un grande potenziale in Africa