Boss Wagner in una frenesia di potere: Prigozhin sfugge al controllo di Putin

I suoi combattenti sono criminali, il suo stile di gestione è brutale, ma la guerra di Mosca contro l’Ucraina conferisce a Yevgeny Prigozhin sempre più influenza al Cremlino. Il presidente Putin ha difficoltà a mettere al suo posto il boss Wagner senza alienarlo.

“Il cuoco di Putin” va e viene da mesi nei campi di prigionia russi. Si dice che Yevgeny Prigozhin abbia reclutato circa 40.000 prigionieri per la sua compagnia di mercenari, e ora ha un altro candidato: Misha Popkov. Alla televisione di stato russa, il 58enne si offre come combattente di Prigozhin al fronte in Ucraina. Non gli piace il freddo, ma la sua esperienza militare è “attualmente richiesta”, dice. Popkov ha violentato, ucciso e profanato i corpi di oltre 80 ragazze e donne. I russi lo chiamano “lupo mannaro”. Spera in una pena ridotta, dall’ergastolo a soli sei mesi di servizio militare.

Almeno questo è ciò che Prigozhin ha promesso alle sue reclute. Chiunque abbia combattuto per sei mesi è libero. Non esiste una base legale per questo. Ma il Cremlino lascia che il capo Wagner faccia ciò che vuole. “Putin ha bisogno di ogni combattente possibile, ed è per questo che Wagner è diventato importante in questa guerra”, ha detto l’esperto di Russia Stefan Meister della Società tedesca per la politica estera quando gli è stato chiesto da ntv.de. “Prigozhin è in realtà un fornitore di servizi che dipende da appalti pubblici dell’esercito russo. Ma con la guerra ha usato il pubblico per accumulare capitale politico”.

La velocità con cui Prigozhin ha trasformato quella che in realtà è un’organizzazione paramilitare illegale (PMC), che ha sempre operato in segreto, in un esercito privato riconosciuto è sbalorditiva. Solo a settembre dello scorso anno il 61enne ha ammesso per la prima volta l’esistenza del gruppo mercenario da lui fondato, ea novembre ha aperto il primo quartier generale a San Pietroburgo. Wagner è lì dalla fine di dicembre un’impresa correttamente registrata – Iscritta all’albo russo come società di consulenza gestionale.

READ
Al primo appuntamento: alle donne piace particolarmente questo tipo di uomo *** BILDplus Inhalt *** - Guida

Autorizzato dal Cremlino

In poche settimane Prigoshin legalizzò Wagner e le truppe appresero la loro legittimità al più tardi quando Soledar fu conquistato. Il primo successo militare della Russia in sei mesi ha costretto il Cremlino a inchinarsi pubblicamente ai mercenari di Prigozhin – una svolta notevole degli eventi, dato che solo pochi anni fa Putin ha negato con veemenza qualsiasi legame con Wagner. Per i criminali, questo significa riabilitazione sociale, per così dire. Sono improvvisamente alla pari degli “eroi che prestano servizio nelle forze armate” come onorati patrioti. Lo stesso Prigozhin ha affiancato alla campagna d’immagine per Wagner apparizioni pubbliche al fronte, interviste e reportage sul livello dell’acqua sui combattimenti in Ucraina.

Prigozhin è stato il primo a riportare anche il più piccolo dei successi, come la recente cattura della città di Klishchiyivka vicino a Bakhmut. Nel frattempo, il ministero della Difesa di Mosca agisce in modo quasi imparziale, confermando solo ciò che deve essere confermato. Anche se la concorrenza tra Wagner e la leadership dell’esercito russo viene ripetutamente negata, gli sforzi di Prigozhin per prendere le distanze dall’esercito difficilmente possono essere trascurati. Ha lasciato i guerrieri di Soledar e Popasna medaglie speciali Wagner consegnare, che sono modellati sull’Ordine del coraggio russo. Critica la leadership militare in ogni occasione disponibile, mentre allo stesso tempo sussurra pubblicamente di traditori nella cerchia di Putin che possono essere sconfitti solo con “la mazza di Wagner”.

Putin in un dilemma

Maggiore è l’influenza che Prigozhin guadagna, più osa avanzare politicamente. Mentre lui stesso gestisce una fabbrica di troll a San Pietroburgo, che avrebbe diffuso notizie false prima delle elezioni presidenziali americane del 2018, sta spingendo per il blocco di YouTube al Cremlino ed è pubblicamente convinto che anche Putin ascolterà il suo appello . Se si arrende, Prigozhin guadagna ancora più peso politico. Il capo Wagner ha più volte sottolineato che non punta a un ufficio. Ma non è credibile. “Ha delle ambizioni, si è già avventurato troppo lontano per questo”, dice Stefan Meister. “Ma in realtà non è un attore che ha abbastanza risorse di potere per svolgere un ruolo nella politica russa”.

READ
"Nessuno mi dà una risposta sulla morte di mia figlia"

Prigozhin è ora ai ferri corti non solo con i capi militari, ma anche con l’élite russa. Ha invitato pubblicamente i ricchi figli di Mosca a prestare servizio militare e voleva che gli oligarchi fossero espropriati per la cassa di guerra. Come figura politica, il 61enne è imprevedibile. Ma con…

Source link