Samsung svela il sensore di immagine da 200 megapixel per i nuovi smartphone di punta – Samsung Newsroom UK

Samsung Electronics ha introdotto il suo nuovo sensore di immagine da 200 megapixel soprannominato ISOCELL HP2 il 17 gennaio. Viene fornito con una tecnologia pixel avanzata e, grazie alla sua piena capacità, ti consente di scattare foto mozzafiato con i prossimi smartphone premium.

“Il Samsung ISOCELL HP2 utilizza tecnologie di sensori di immagini ad alta risoluzione e il nostro know-how specifico per la visualizzazione dei dettagli delle immagini”, ha affermato JoonSeo Yim, vicepresidente esecutivo del team di business dei sensori di Samsung Electronics. “Le nostre tecnologie pixel hanno sensori che vanno oltre il numero e le dimensioni dei pixel disponibili oggi. Il nostro obiettivo è continuare ad aprire orizzonti e rafforzare la nostra presenza nel mercato in espansione dei sensori ad altissima risoluzione”.

ISOCELL HP2 ha 200 milioni di pixel da 0,6 micron (μm) in un formato ottico da 1/1,3 pollici. Questa è una dimensione del sensore comunemente utilizzata nelle fotocamere degli smartphone da 108 megapixel. Ciò significa che è possibile ottenere una risoluzione ancora più elevata rispetto a prima negli ultimi smartphone di fascia alta senza che la fotocamera influisca negativamente sul design dei dispositivi.

Con Tetra²pixel, la tecnologia pixel binning di Samsung, il sensore HP2 rende la fotocamera ancora più versatile. Perché simula diverse dimensioni dei pixel per adattarsi a diverse condizioni di illuminazione: in ambienti con scarsa illuminazione, il sensore si trasforma in un sensore di immagine da 1,2 μm da 50 megapixel o da 2,4 μm da 12,5 megapixel combinando da quattro a 16 pixel adiacenti. Per video 8K più completi, ad esempio 33 megapixel, l’HP2 passa alla modalità 50 megapixel da 1,2 μm per ridurre il ritaglio, consentendoti di catturare più scene. Quando si registrano video 8K a 30 fotogrammi al secondo (fps), un ampio campo visivo combinato con pixel più grandi può produrre video nitidi.

READ
Dragonflight Blizzard sta cambiando il funzionamento del bottino nei raid

Le immagini sovraesposte e sbiadite, che spesso possono verificarsi in ambienti molto luminosi, possono verificarsi meno frequentemente grazie alla nuova tecnologia Dual Vertical Transfer Gate (D-VTG) nel nuovo sensore HP2. Qui, nella parte inferiore del fotodiodo di ogni pixel, c’è un gate di trasferimento di tensione che trasporta gli elettroni dai pixel allo strato logico. Con alta precisione, D-VTG inserisce un secondo gate di trasferimento nel pixel, aumentando la piena capacità del pozzo del pixel di oltre il 33%. Con più elettroni immagazzinati e un efficiente trasferimento del segnale, questo metodo può ridurre la sovraesposizione e migliorare la riproduzione del colore. Ciò è particolarmente rilevante in condizioni di luce intensa.

In ambienti scarsamente illuminati, la messa a fuoco automatica Super QPD dell’HP2 raggiunge livelli impressionanti. Consente al sensore di utilizzare tutti i suoi 200 milioni di pixel per la messa a fuoco. La grande quantità di agenti di messa a fuoco da quattro pixel adiacenti è ordinata in modo tale da riconoscere i cambiamenti di pattern sia orizzontali che verticali. In questo modo si ottiene una messa a fuoco automatica rapida e precisa. A tale scopo, il nuovo sensore utilizza una grande quantità di dati campione insieme a un gran numero di punti di riferimento.

Per consentire eccellenti prestazioni HDR, Samsung offre per la prima volta DSG in modalità 50 megapixel. Questo applica due valori di conversione separati al segnale analogico ricevuto a livello di pixel. Inoltre, la soluzione Smart-ISO Pro HDR, che unisce diversi valori ISO da una singola esposizione, consente alla fotocamera di acquisire immagini da 12,5 megapixel e video 4K a 60 fotogrammi al secondo in HDR.

READ
Le immagini trapelate mostrano Samsung Galaxy S23 e Galaxy S23 Ultra in tutti e quattro i colori

La produzione in serie dell’ISOCELL HP2 è già iniziata.

Source link