Nessun “Leopard 2”, ma …: questo pacchetto di armi mette insieme il gruppo Ramstein

Nessun “Leopardo 2”, ma…
Questo pacchetto di armi riunisce il gruppo Ramstein

La guerra di aggressione russa in Ucraina va avanti da quasi un anno. Kiev ha recentemente ripetutamente sottolineato che sono necessari maggiori aiuti militari per poter tenere testa alla Russia. In occasione della riunione del cosiddetto gruppo di contatto ucraino presso la base aerea statunitense di Ramstein in Renania-Palatinato, numerosi paesi hanno messo insieme nuovi pacchetti di armi.

Stati Uniti d’America

Gli Stati Uniti hanno annunciato altri 2,5 miliardi di dollari di vendite di armi all’Ucraina. Secondo il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, l’ultimo pacchetto di aiuti non include i principali carri armati, ma altri 59 carri armati Bradley, 90 veicoli corazzati Stryker, sistemi di difesa aerea Avenger e migliaia di munizioni. Con questo pacchetto, l’aiuto militare totale del paese a Kiev dall’inizio della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina nel febbraio dello scorso anno ha totalizzato più di 26,7 miliardi di dollari.

Gran Bretagna

Pochi giorni dopo l’annuncio che avrebbe consegnato i carri armati pesanti Challenger 2 all’Ucraina, Londra ha intensificato ancora una volta i suoi aiuti militari a Kiev. Il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace ha annunciato l’intenzione di inviare 600 missili Brimstone in Ucraina. Si tratta di missili aria-superficie destinati all’uso contro veicoli corazzati e carri armati.

Germania

All’inizio di gennaio, il governo federale ha promesso all’Ucraina la consegna di 40 veicoli corazzati “Marder” e una batteria di missili antiaerei Patriot. Inoltre, secondo il ministro della Difesa Boris Pistorius, entro febbraio dovrebbero essere consegnati altri sette carri armati antiaerei del tipo “Gepard”, in modo che l’Ucraina ne disponga quindi di 37 di questi carri armati. Nelle prossime settimane verranno consegnati ulteriori missili guidati della variante IRIS-T SLM, seguiti da un altro sistema completo IRIS-T SLM in primavera. Il sostegno tedesco dall’inizio della guerra di aggressione russa alla fine di febbraio ammonta a 3,3 miliardi di euro. Tuttavia, il dibattito è determinato dalla richiesta dalla Germania e dall’estero di fornire a Kiev anche il carro armato principale Leopard 2 o almeno di consentire ai paesi alleati di fornire i carri armati di fabbricazione tedesca. La Germania non ha ancora rispettato questo. Non c’era alcuna decisione su questo a Ramstein.

Francia

Parigi prevede di inviare carri armati leggeri AMX-10 RC in Ucraina. Tuttavia, non è chiaro quando e quanti dei veicoli, che sono più facili da manovrare rispetto ai pesanti carri armati, verranno consegnati.

Hai

Il Canada fornisce all’Ucraina 200 portaerei corazzati. La consegna fa parte di un pacchetto di aiuti militari da 400 milioni di dollari annunciato a novembre. In totale, il Canada ha promesso aiuti militari a Kiev per un valore di 920 milioni di euro, inclusi veicoli blindati, obici, abbigliamento invernale, droni fotografici e munizioni.

Svezia

La Svezia vuole fornire all’Ucraina il sistema di artiglieria Archer. Non è ancora chiaro quanti dei sistemi obice debbano essere consegnati. Secondo il primo ministro Ulf Kristersson, la Svezia prevede anche di inviare in Ucraina 50 veicoli da combattimento di fanteria CV-90 e armi anticarro NLAW. Con le consegne previste, la Svezia si sta allontanando dalla sua posizione di non fornire armi a un paese in guerra.

Olanda

I Paesi Bassi vogliono unirsi agli Stati Uniti e alla Germania nel progetto Patriot. Il primo ministro Mark Rutte ne ha parlato con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il cancelliere Olaf Scholz. Ma di più non si sa ancora.

Danimarca

La Danimarca dice che sta donando 19 obici Caesar di fabbricazione francese all’Ucraina. Secondo il ministero della Difesa danese, Kiev ha richiesto l’artiglieria nonostante alcune difficoltà tecniche. Tuttavia, finora solo pochi obici sono stati consegnati a Copenaghen dalla Francia.

Finlandia

Helsinki ha promesso 400 milioni di euro di aiuti militari a Kiev. Ciò include artiglieria pesante e munizioni, secondo il ministro della Difesa finlandese Mikko Savola. È la più grande consegna dalla Finlandia all’Ucraina fino ad oggi. I precedenti impegni avevano un valore complessivo di 190 milioni di euro.

Estonia

Secondo il governo estone, armi e munizioni anticarro sono tra gli armamenti più recentemente promessi per un valore complessivo di circa 113 milioni di euro. Il pacchetto aumenterà gli aiuti militari estoni a…

Source link

READ
Pesanti combattimenti nel Caucaso: l'Armenia apparentemente attaccata dall'Azerbaigian