Imbarazzante bugia sulla cancellazione di Davos: Elon Musk non è stato affatto invitato politica

Non voleva venire perché lì era troppo noioso, disse…

Il multiplo imprenditore Elon Musk (51) sta nuovamente suscitando stupore: questa volta si tratta del World Economic Forum di Davos, in Svizzera, dove i grandi nomi della politica, dell’economia, della cultura e della società si stanno scambiando opinioni.

Come spesso accade, il dramma è iniziato con un tweet: “Non ho rifiutato l’invito a Davos perché pensavo fossero coinvolti in intrighi diabolici, ma perché sembrava molto noioso”, ha postato Musk il 22 dicembre sulla piattaforma Twitter, che possiede. Nell’originale inglese ha scritto:perforazione di” – la traduzione “af” sta per “as f*ck” ed è un termine gergale per “molto, molto noioso”.

Intrighi diabolici? Musk alludeva alle teorie del complotto che circondavano il vertice di Davos. Non crede che l’incontro dei ricchi e dei potenti di questa terra servirà a sinistri accordi di sottomissione dell’umanità e di autoarricchimento, come tante persone spesso credono.

Ma è vero: il miliardario non è stato nemmeno invitato!

Lo ha confermato il portavoce degli organizzatori, Yann Zopf: Musk non ha ricevuto un biglietto di partecipazione né per quest’anno né per gli anni precedenti. L’ultima volta che il miliardario tecnologico (Tesla, SpaceX, Twitter, ecc.) è stato invitato è stato nel 2015. Negli anni precedenti, si voleva che fosse presente alle tavole rotonde, specialmente nel suo ruolo di capo di Tesla. Musk, tuttavia, non è venuto nell’idilliaca stazione sciistica.

Può anche darsi che Musk, recentemente criticato su più fronti e considerato “solo” il secondo uomo più ricco del mondo, abbia altre preoccupazioni:

︎ La crisi su Twitter si sta aggravando dopo circa tre mesi di trambusto selvaggio al piano dirigenziale. Le finanze rimangono desolate. È stato appena annunciato che più di 500 aziende hanno congelato le loro pubblicità su Twitter. Le entrate pubblicitarie, che rappresentavano il 90% delle entrate di Twitter, erano inferiori del 40% rispetto a un anno fa. Gli inserzionisti hanno premuto il pulsante di pausa per il ritorno di voci più radicali sulla piattaforma “social media”, un modello di abbonamento con scarsa verifica e il controverso stile di leadership di Musk. Si fanno sempre più forti anche le domande su quando manterrà la sua promessa di dimettersi da amministratore delegato.

READ
Continua il problema con l'elettricità: danneggiate tutte le centrali termiche e idroelettriche dell'Ucraina

︎ A San Francisco è iniziato un processo che potrebbe costare miliardi a Musk. Un controverso tweet del 2018 lo aveva raggiunto: a quel tempo aveva annunciato di voler quotare in borsa il produttore di auto elettriche Tesla – per un prezzo di azione fisso di 420 dollari (il numero era un cenno al “codice” della marijuana scena , Musk voleva anche impressionare la sua ragazza dell’epoca, la cantante Grimes). Il finanziamento per l’accordo da 72 miliardi di dollari sarebbe stato assicurato, ha affermato Musk quasi cinque anni fa. Ma poi il piano è stato scartato. Gli investitori che hanno dovuto subire pesanti perdite sono andati in tribunale: si sono lamentati dell’inganno.

Nel complesso, Musk è sembrato fuori passo di recente: Tesla è sotto pressione a causa della debole domanda e della crescente concorrenza. L’acquisizione di Twitter si rivela uno dei più grandi flop della recente storia economica. E anche l’importante volo di prova orbitale del razzo “Starship” Mars di SpaceX è stato ulteriormente ritardato.

Musk ha recentemente sentito la serie di crisi nel proprio portafoglio: nel 2022 era più povero di un incredibile $ 182 miliardi, ha riferito CNBC. Dopotutto: con l’epica enorme perdita, è riuscito a ottenere un ingresso nel “Guinness” dei primati, perché mai prima d’ora una persona aveva perso così tanti soldi.

Ma non è bastato per un invito a Davos.

Source link