Studio: i prezzi elevati gravano sui proprietari di auto in Germania

Secondo uno studio, un proprietario di auto su due in Germania teme che presto non sarà più in grado di permettersi la propria auto a causa del forte aumento dei prezzi. Il 2022 è stato caratterizzato da costi elevati, ha annunciato giovedì Deutsche Automobil Treuhand (DAT) alla presentazione del suo rapporto annuale di settore. La società ha fatto riferimento a “prezzi di acquisto elevati, prezzi del carburante e inflazione”.

Inoltre, il 13 percento degli intervistati ha dichiarato di aver pianificato di acquistare un’auto nel 2022, ma ciò non è avvenuto. I motivi addotti più frequentemente sono stati i prezzi elevati e la pressione al risparmio. Secondo DAT, più di 4.600 consumatori finali sono stati intervistati in modo rappresentativo dalla società di ricerche di mercato GfK per lo studio.

Secondo lo studio, lo scorso anno i prezzi di acquisto sono nuovamente aumentati notevolmente. In media, un’auto usata costava 18.800 euro nel 2022. Questo è stato un aumento del 19,4%, nel 2021 il prezzo medio della transazione era ancora di 15.740 euro. Il prezzo medio delle auto nuove è aumentato di 5.000 euro a 42.790 euro nel 2022, il che corrisponde a un aumento del 13,2%.

Gli affari stanno quindi diventando sempre più rari. Nel 2019, ovvero nell’anno prima dell’inizio della pandemia di coronavirus, il 44 percento delle auto usate è stato acquistato per meno di 10.000 euro. Poco meno di un’auto usata su quattro costa più di 17.500 euro. La situazione è cambiata lo scorso anno: solo il 23% delle auto usate costa meno di 10.000 euro. D’altra parte, quasi la metà (46 per cento) aveva un prezzo medio di oltre 17.500 euro.

READ
Ora la Mégane sale anche elettricamente: la mobilità

C’è stato anche un netto cambiamento nel livello dei prezzi per le auto nuove. Circa due terzi degli acquisti qui nel 2022 valevano più di 35.000 euro. Per confronto: nel 2018 era ancora un terzo. L’anno scorso non ci sono stati quasi acquisti (1%) per meno di 15.000 euro. Nel 2018, il 14% degli intervistati ha ancora acquistato un’auto nuova in questa fascia di prezzo.


(fpi)

Source link