Il leggendario stallone saltatore di Hannover Stakkato non è più vivo –

Lo Stakkato di Hannover non è più vivo. Lo stallone ha fatto la storia dello sport sotto Eva Bitter. E nell’allevamento è una leggenda. Aveva 30 anni.

Stakkato è nato da August Meyer a Süstedt, Bassa Sassonia. Suo padre Spartan è stato uno degli ultimi rappresentanti della linea Hanover S, che ha prodotto saltatori di qualità internazionale con stalloni come Servus, Stakkatos nonno, Sender e Senator. La madre del baio oscuro, Pia, discendeva da Pigmalione-Goldstern.

I primi passi nella carriera di Stakkato

Il talento nel salto della baia oscura è stato notato presto. Stakkato è arrivato nono assoluto nel performance test degli stalloni. Ha vinto l’indice di salto con oltre 144 punti. Con il nome di battesimo “Argelith”, la compagnia della famiglia Bitter, ed Eva Bitter in sella, Stakkato decollò presto come un giovane cavallo. Ha fatto i suoi primi test di salto ostacoli sotto Joachim Winter, il primo maestro di sella al Celle State Stud. Perché lo stallone è stato considerato per tutta la vita Celler Landbeschäler in azione. Inverno e staccato: era perfetto: otto partenze, otto vittorie nei test di abilità di salto di livello principiante.

Nell’estate del 1997, Eva Bitter ha montato per la prima volta il suo stallone in un torneo e ha vinto subito al Dobrock, uno dei principali tornei tradizionali nell’area di allevamento di Hannover tra i fiumi Elba e Weser. Questa premiere è stata anche una corsa alla vittoria, alla quale ne sarebbero seguite innumerevoli altre. Il primo grande momento clou della loro carriera insieme: tre vittorie a Warendorf al Bundeschampionat: test di riscaldamento, qualificazione, finale – Bundeschampion 1998!

READ
Calcio Bundesliga in anteprima della 6° giornata: C'è riso, Schalke

L’anno successivo arriva secondo nella finale del Bundeschampionat e nel 2000 debuttano nel livello avanzato i due della regione di Osnabrück, che si piazzano ad Amburgo, Wiesbaden e Balve, grandi piazzamenti, disordinati, non grandi.

Campioni tedeschi

La coppia si affermò rapidamente nella classe avanzata. Nel 2003, Eva Bitter ha vinto i campionati tedeschi a Gera con lo staccato. Nel 2010, il dream team è riuscito a vincere nuovamente il titolo a Münster. Il figlio spartano ha vinto un totale di 242.438 euro nella sua vita. Si è rivelato più volte un uomo in piedi, sopravvissuto a operazioni di coliche, tra le altre cose. Nel giugno 2011 è andato al suo ultimo torneo ai Campionati tedeschi di Balve e si è ritirato dallo sport con un piazzamento. Settimane prima, entrambi facevano ancora parte della squadra tedesca della Coppa delle Nazioni a San Gallo.

Stakkato: il numero uno in allevamento in Germania

Era chiaro fin dall’inizio: tale padre, tali figli. E anche le figlie. I figli di Stakkato sono nati per il corso. Già nel 2001, l’Hannover era il numero uno nella stima del valore di allevamento del salto della Federazione equestre tedesca (FN) a causa della sua prole.

I bambini diretti di Stakkato hanno attualmente vinto più di 3,3 milioni di euro negli sport tedeschi. 246 di loro hanno successi sportivi nella classe S nel salto ostacoli. Dei suoi 76 figli autorizzati in Germania, 64 sono iscritti al libro stalloni I. Nel 2007 è stato nominato Stallion of the Year nel suo allevamento di Hannover. 2019 divorziato Staccato dall’attacco al mazzo attivo fine.

Soddisfazione è stato uno dei primi figli con licenza ad attirare l’attenzione in competizioni difficili. Ha due fratelli pieni con licenza. Stakkato Gold è uno dei figli più importanti nell’allevamento. Ha generato, tra gli altri, il cavallo campione del mondo di Marcus Ehning Oro stellato.

READ
Borussia Mönchengladbach - Progetto tifoso salda i conti con Max Eberl: "Shabby"

Anche le figlie di Stakkato erano preziose nell’allevamento. Uno dei più importanti è Sensation, madre dello stallone Perigueux. Con lui, così il cerchio si chiude, Eva Bitter è diventata anche campionessa tedesca.

Con Eva Amaro e Marco Kutscher staccato è stato nutrito e curato. È stato addormentato ieri all’età di quasi 30 anni. Un gran signore dell’allevamento non vive più.

Anche interessante


console.log(“\tCustom Vendor 435 ha il consenso”); !function(f,b,e,v,n,t,s) {if(f.fbq)return;n=f.fbq=function(){n.callMethod? n.callMethod.apply(n,arguments):n.queue.push(arguments)}; if(!f._fbq)f._fbq=n;n.push=n;n.loaded=!0;n.version=’2.0′; n.coda=[];t=b.createElement(e);t.async=!0; t.src=v;s=b.getElementsByTagName(e)[0]; s.parentNode.insertBefore(t,s)}(window, document,’script’, ‘https://connect.facebook.net/en_US/fbevents.js’); fbq(‘init’, ‘494794794201357’); fbq(‘track’, ‘PageView’);

Source link