Le migliori star temono la folle maledizione di Netflix! Kyrgios, Ruud, Jabeur & Co. già colpiti

C’è una maledizione Netflix agli Australian Open?

Sia i fan che i giornalisti ipotizzano o scherzano su questo, ma cosa c’entra Netflix con un torneo di tennis a Melbourne? (NOTIZIE: Tutto sull’Australian Open)

Il 13 gennaio, il servizio di streaming ha rilasciato la nuova serie “Break Point”. Il focus è su dieci stelle del tennis dell’ATP e del WTA, le cui vite sono mostrate in cinque episodi, sia sportivi che privati.

Una star del tennis dopo l’altra viene eliminata

E che ora sembra avere un impatto sulla prestazione agli Australian Open. Perché un giocatore dopo l’altro della serie ha dovuto annullare o ha fallito sorprendentemente all’inizio di Melbourne.

Tre giocatori si sono ritirati dagli Australian Open poco dopo la comparsa degli episodi. sono stati colpiti Nick KyrgiosAjla Tomljanovic e Paula Badosa, che hanno dovuto annullare con breve preavviso.

Ma non è tutto. Altri grandi nomi hanno dovuto iniziare presto il loro viaggio verso casa. Il favorito segreto Matteo Berrettini, che aveva raggiunto la finale di Wimbledon nel 2021, ha perso contro Andy Murray nel round 1. E il britannico ha continuato la maledizione al secondo giro. Il tre volte vincitore del Grande Slam ha anche eliminato Thanasi Kokkinakis in un thriller epico.

Australian Open: Maria Sakkari come la nona vittima di Netflix

E altre star sono state perseguitate dalla maledizione della serie nel secondo round. Casper Ruud, testa di serie numero 2, è stato colpito per primo e sorprendentemente perso contro Jenson Brooksby dagli Stati Uniti.

Poi Taylor Fritz, che era al top della forma e considerato anche un favorito segreto, che aveva raggiunto le semifinali alle ATP Finals 2022, ha fallito a causa dell’australiano Alexei Popyrin.

READ
scacchi | Prove chiarificatrici rilasciate nello scandalo degli imbrogli

E per tutti i sostenitori della teoria Netflix, è andata anche peggio: il co-favorito Ons Jabeur, alle prese con problemi al ginocchio, è stato espulso al secondo turno degli Australian Open.

Nel frattempo, anche Maria Sakkari ha ceduto alla maledizione e ha dovuto dire addio agli Australian Open agli ottavi contro Lin Zhu come nona vittima di Netflix. Resta solo Felix Auger-Aliassime. Il canadese affronta Jiri Lehecka negli ottavi di finale. (SERVIZIO: Tutte le partite e i risultati)

La maledizione si è diffusa così tanto nella scena del tennis che persino Netflix ha ora risposto: “Per essere chiari: questa è pura coincidenza”.

Se fai clic qui, vedrai i contenuti di Twitter e acconsenti all’utilizzo dei tuoi dati nel Informativa sulla privacy di Twitter sono trattate le finalità indicate. SPORT1 non ha alcuna influenza su questo trattamento dei dati. Hai anche la possibilità di attivare tutti i widget sociali. Puoi trovare informazioni sulla revoca qui.

“Non mi interessa come Kyrios trascorre il tempo con la fidanzata”

Ma anche i tennisti che si limitano a commentare o criticare pubblicamente la serie sono maledetti.

David Goffin, che non era interessato alla serie, ha dovuto scoprirlo: “Non mi interessa vedere come Kyrgios passa il tempo con la sua ragazza. La serie non è interessante per i giocatori che partecipano al tour di tennis”, ha detto il belga.

Poco dopo, Goffin ha dovuto ritirarsi a causa di un malore dopo il suo primo turno di gioco.

Fritz, che ha fallito nel secondo round, ha detto prima della sua uscita: “Non sapevo che fosse qualcosa del tipo ‘Perdo il mio primo round perché sono in uno show di Netflix’. Non ci ho pensato”.

READ
Mondiali 2022: Lahm - "Questo è l'essenziale quando guardo l'EM 2024"

Netflix sta già pianificando la prossima stagione di “Break Point”

È già prevista una continuazione della documentazione. Ad esempio, Holger Rune ha rivelato che farà parte della nuova stagione e che sarà accompagnato da un camera team a Melbourne.

“Stiamo già iniziando. Stanno filmando qualcosa”, rivela il diciannovenne, aggiungendo: “Sono eccitato e penso che sarà fantastico. Fa bene al tennis e fa bene a noi giocatori. Più persone riusciamo a coinvolgere in questo sport, meglio è. La penso molto positivamente”.

Resta da vedere se più giocatori faranno parte di una prossima stagione se la maledizione dovesse continuare.

Source link