Alec Baldwin è accusato di omicidio colposo

UNSembra che Lec Baldwin sia stato l’unico colto alla sprovvista dall’accusa di omicidio colposo. Come annunciato giovedì dall’ufficio del procuratore della contea di Santa Fe, poche ore dopo l’annuncio del procedimento penale contro la star di Hollywood, un processo si era profilato poco dopo l’uccisione mortale della cameraman Halyna Hutchins da parte di Baldwin nell’autunno del 2021. “Ci è stato chiaro fin dall’inizio dell’indagine che si trattava di una questione penale”, ha detto all’emittente Andrea Reeb, consigliere speciale del Dipartimento di giustizia del New Mexico. NBC.

L’avvocato ha trovato parole inaspettatamente forti per Baldwin, che aveva appena saputo delle accuse contro di lui a casa a Manhattan. “Sono sicuro che era fiducioso che non sarebbe stato accusato. Ma non è al di sopra della legge ed è uno che ha commesso un crimine”. Pochi mesi dopo la morte di Hutchins, il vincitore del Golden Globe ha archiviato un procedimento penale contro di lui definendolo “altamente improbabile”.

Baldwin indignato per la decisione di ritenerlo legalmente responsabile.

Durante le riprese del western “Rust” il 21 ottobre 2021, è stato sparato un colpo dal revolver cinematografico di Baldwin in circostanze ancora poco chiare. La camerawoman Hutchins è crollata, ferita a morte. Il regista Joel Souza, che stava dietro la macchina da presa di 42 anni durante la scena delle prove in una chiesa del ranch cinematografico di Bonanza Creek, ha dovuto essere curato in ospedale per una lieve ferita da arma da fuoco.

Come Baldwin in seguito testimoniò con lo sceriffo del New Mexico, l’assistente alla regia Dave Halls gli diede la pistola con le parole “pistola fredda”, un riferimento agli spazi vuoti. Come ormai si è saputo, Halls avrebbe raggiunto un accordo con il pubblico ministero.

READ
Nonostante le sanzioni contro la Russia: è probabile che in Lettonia rimangano attivi oligarchi vicini al Cremlino

Il regista si è dichiarato colpevole di maneggio negligente di un’arma mortale. Halls, noto per la sua mancanza di sicurezza durante le riprese sul set di “Freedom’s Path” e “Into the Dark” prima di essere ucciso sul set di “Rust”, ha anche accettato di testimoniare in un processo penale contro Baldwin. In cambio, l’ufficio del procuratore di Santa Fe ha accettato di concedere a Halls una pena sospesa di sei mesi.

Selfie sul set: un tecnico con l'eventuale vittima Halyna Hutchins


Selfie sul set: un tecnico con l’eventuale vittima Halyna Hutchins
:


Immagine: AFP


Baldwin, nel frattempo, ha dichiarato tramite il suo avvocato Luka Nikas di essere indignato per la decisione della magistratura del New Mexico di ritenerlo legalmente responsabile della morte di Hutchins. “Affronteremo le accuse e vinceremo”, ha detto l’avvocato. Baldwin, 64 anni, ha accusato il consigliere speciale Reeb e il procuratore distrettuale Mary Carmack-Altwies di aver distorto le circostanze della “tragica morte” della cameraman.

La storia del colpo mortale rimane un mistero. Almeno tre incidenti con armi da fuoco si erano verificati sul set prima del 21 ottobre 2021, hanno detto i membri della troupe al Los Angeles Times. In uno degli incidenti…

Source link