Manifestazione davanti all’ambasciata a Stoccolma: la Turchia invita i ministri svedesi

Stato: 21/01/2023 12:06

Doveva riguardare l’adesione della Svezia alla NATO, ma ora Ankara ha annullato un incontro con il ministro della Difesa svedese Jonson. Il motivo è la prevista manifestazione di un estremista di destra davanti all’ambasciata turca a Stoccolma.

Il governo turco ha annullato una visita programmata ad Ankara del ministro della Difesa svedese Pål Jonson. Lo sfondo sono le proteste previste per oggi a Stoccolma, durante le quali verrà bruciato anche un Corano.

La Svezia non è intervenuta contro le “disgustose proteste anti-turche” sul suo territorio, ha affermato l’agenzia di stampa statale Anadolu citando il ministro della Difesa turco Hulusi Akar. La Turchia ha convocato l’ambasciatore svedese ad Ankara, hanno detto funzionari degli ambienti diplomatici. Un portavoce del presidente Recep Tayyip Erdogan ha parlato di “incoraggiamento ai crimini d’odio”.

L’estremista di destra vuole bruciare il Corano

Ankara è sconvolta dal fatto che il governo svedese abbia permesso all’estremista di destra di origine danese Rasmus Paludan di manifestare davanti all’ambasciata turca a Stoccolma.

Paludan – che ha anche la cittadinanza svedese – è il capo del partito anti-islamico e anti-immigrati Stram Kurs (Strammer Course) e in diverse occasioni ha fatto bruciare il Corano durante i raduni nelle città svedesi. Ciò ha anche scatenato ripetuti scontri tra contromanifestanti e polizia.

Oltre all’azione di protesta dell’estrema destra, a Stoccolma sono attese anche diverse manifestazioni filocurde e filoturche.

Sono previsti colloqui sull’adesione alla NATO

Il ministro degli Esteri svedese Tobias Billström ha dichiarato all’agenzia di stampa TT che la libertà di parola è rispettata. Ha rifiutato di speculare su come la protesta di Paludan potrebbe influenzare l’adesione alla NATO. “Tutto ciò che allunga inutilmente il processo è ovviamente qualcosa che prendiamo molto sul serio”, ha affermato Billstrom.

READ
Operazione militare israeliana: palestinesi uccisi a colpi di arma da fuoco a Jenin

Durante la sua visita, Jonson in realtà voleva assicurarsi che la Turchia rinunciasse alla sua opposizione all’adesione della Svezia alla NATO. Il paese scandinavo e la vicina Finlandia hanno presentato domanda di adesione nel maggio 2022 in seguito all’attacco russo all’Ucraina.

La Turchia ha subordinato la ratifica dell’ingresso della Svezia alla NATO all’azione della Svezia contro i ribelli curdi e altri gruppi che Ankara considera una minaccia alla sicurezza nazionale. Per l’adesione è richiesto il consenso di tutti i 30 membri della NATO.

Source link