Premier condannato per video: Rishi Sunak deve pagare per guida senza cintura di sicurezza

Premier trasferito da video
Rishi Sunak deve pagare per guidare senza cintura di sicurezza

Rishi Sunak si è messo nei guai con un video sui social: il primo ministro britannico sarebbe slacciato in macchina. La punizione non tarderà ad arrivare. Non è la prima multa che viene inflitta al politico.

Il primo ministro britannico Rishi Sunak è stato multato per guida senza cintura di sicurezza. La polizia del Lancashire ha dichiarato di aver inviato un avviso a un uomo di 42 anni di Londra dopo che un video circolato sui social media di una persona in un’auto senza cintura di sicurezza.

Si tratta di una clip sui social media che è stata distribuita direttamente sul canale Instagram di Sunak. Durante il suo viaggio attraverso il Lancashire, il Primo Ministro pubblicizza le sue misure per uniformare le condizioni di vita nel nord dell’Inghilterra, economicamente svantaggiato, e può essere visto slacciato sul sedile posteriore.

Le critiche alla corsa senza cintura di sicurezza montarono rapidamente. Sunak si è scusato tramite il suo portavoce, dicendo di aver tolto la cintura di sicurezza solo brevemente per registrare il video e accettando che si trattasse di un errore. “Il primo ministro ritiene che tutti dovrebbero indossare la cintura di sicurezza”. La violazione dell’obbligo della cintura di sicurezza nel Regno Unito può comportare una multa compresa tra £ 100 e £ 500 (circa € 570).

Dopo la decisione della polizia, un portavoce del governo ha annunciato in serata che Sunak avrebbe pagato la multa. Egli “ammette pienamente il suo errore”. È la seconda volta di dominio pubblico che a Sunak viene chiesto di pagare per un reato: il primo ministro era coinvolto nel cosiddetto scandalo Partygate durante la pandemia del coronavirus – all’epoca ancora ministro delle finanze sotto l’ex primo ministro Boris Johnson – per aver violato le misure Corona sono state multate.

Source link

READ
Dopo l'ammissione di abusi: avviate le indagini preliminari contro il cardinale