Campo nella giungla: Djamila Rowe – è così che è diventata una stronza dell’ambasciata

Il suo grande sogno si è finalmente avverato: Djamila Rowe partecipa a

Djamila Rowe è una candidata nel campo della giungla RTL nel 2023. Rowe divenne noto grazie a una presunta relazione con l’ex ambasciatore svizzero in Germania, Thomas Borer.

Djamila Rowe prenderà parte al campo nella giungla nel 2023 e continuerà a essere definita una “troia dell’ambasciata”. Ma perché in realtà?

Djamila Rowe è una delle dodici candidate che prenderanno parte al Jungle Camp di RTL nel 2023. È stato tirato fuori dal cappello prima dell’inizio dello spettacolo RTL dopo che Martin Semmelrogge non ha potuto partecipare. Ma lei chi è in realtà?

Il passato di Djamila Rowe è anche un tema ricorrente nell’attuale stagione di “I’m a Star – Get Me Out of Here!”: non solo il suo passato nella DDR, ma anche i suoi tempi da “troia dell’ambasciata”, a cui fa ripetutamente riferimento volere. Ma perché?

Jungle camp: Djamila Rowe, la “sgualdrina dell’ambasciata” – cosa è successo?

È successo nel 2002, quando l’ormai 55enne sarebbe diventata davvero famosa, grazie alla sua presunta relazione con l’allora ambasciatore svizzero Thomas Borer.

“Borer e la donna nuda” è il modo in cui lo svizzero “SonntagsBlick” intitolava la storia su Rowe e Borer all’epoca. «Cos’è successo all’ambasciata?» In copertina: una donna a seno nudo e un Borer dall’aria inorridita.

L'ambasciatore svizzero uscente Thomas Borer-Fielding e la sua allora moglie Shawne si presentano nuovamente davanti all'ambasciata svizzera a Berlino il 24 aprile 2002 (foto d'archivio).

L’ex ambasciatore svizzero Thomas Borer e la sua allora moglie Shawne davanti all’ambasciata svizzera a Berlino nel 2002 (foto d’archivio).

Lo stesso giornale ha pubblicato anche alcune foto in ombra: una signora nella sua piccola auto rossa davanti all’ambasciata, che poi si precipita nel parcheggio sotterraneo. Quasi due ore dopo puoi vederla allontanarsi di nuovo.

READ
Principessa Mako: Parole commoventi! Madre Kiko desidera ardentemente per lei

Partecipa al sondaggio sul campo nella giungla di EXPRESS.de qui:

Djamila Rowe, che all’epoca lavorava come truccatrice a Berlino e lavorava anche come modella e si esibiva anche come ballerina di nudo, ha spiegato allo Schweizer Zeitung di aver avuto una relazione con l’ex ambasciatore svizzero.

Djamila Rowe sul presunto rapporto sessuale con l’ambasciatore

La Rowe ha affermato di aver fatto “puro sesso” con l’ambasciatore, anche nel letto della coppia. Era sempre “veloce al punto”, ha detto. Era stata più volte all’ambasciata svizzera e aveva compiuto atti sessuali. Entrambi si erano già incontrati in una discoteca elegante di Berlino. Poi una cosa tira l’altra.

La casa editrice ha chiesto le dimissioni di Borer nell’articolo. Lo scandalo sessuale divenne anche uno scandalo politico. Borer ha risposto con una causa multimilionaria per danni.

Ma la relazione, come si è poi scoperto, era fittizia. Anche Djamila Rowe in seguito ha negato qualsiasi contatto sessuale con Borer e ha accusato l’editore di una produzione. Fu una svolta spettacolare nello squallido scandalo: “Non ho mai avuto una relazione sessuale con il Dr. Thomas Borer”, ha giurato in una dichiarazione giurata all’epoca.

READ
Miriam Neureuther sul corpo del dopo-neonato: "Miglia di distanza dalla mia vecchia forma"

Si dice che Djamila Rowe abbia ricevuto una tassa di informazione di 10.000 euro per la sua storia. L’intera storia era una campagna scandalistica. Dopo un accordo extragiudiziale, Borer ha ricevuto un risarcimento dall’editore. La sua allora moglie…

Source link