Dibattito sulla consegna di “Leopard 2”: i ministri degli Esteri baltici fanno appello a Scholz

A partire dal: 21/01/2023 16:29

La pressione internazionale sulla Germania per consentire la consegna di carri armati “Leopard 2” o per fornire carri armati del tipo stesso continua a crescere. Ora i ministri degli Esteri di Lettonia, Estonia e Lituania lanciano l’allarme.

I ministri degli esteri dei Paesi baltici hanno chiesto alla Germania di consegnare all’Ucraina i carri armati “Leopard 2”.

“Questo è necessario per fermare l’aggressione russa, aiutare l’Ucraina e riportare rapidamente la pace in Europa”, ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkevics – secondo le sue stesse dichiarazioni anche a nome dei suoi omologhi di Estonia e Lituania. “In qualità di potenza europea leader, la Germania ha una responsabilità speciale in questo senso”.

Podoliak: l’indecisione globale sta uccidendo gli ucraini

“L’indecisione globale” su questo tema “sta uccidendo sempre più persone”, ha scritto su Twitter l’aiutante presidenziale ucraino Mykhailo Podoliak. “Ogni giorno di ritardo significa morte per gli ucraini”.

Dal punto di vista del consigliere del capo di stato ucraino, Volodymyr Zelensky, è comunque vero che i paesi sostenitori alla fine forniranno all’Ucraina carri armati. “Aiuterete comunque l’Ucraina con le armi necessarie e vi renderete conto che non c’è altra opzione per porre fine alla guerra”, ha twittato Podoliak.

In vista delle dichiarazioni della Germania e di altri paesi secondo cui la fornitura di carri armati doveva ancora essere esaminata, il consigliere presidenziale ha concluso il suo messaggio con le parole: “Pensa più velocemente”.

Dovrebbe iniziare la formazione in Polonia

Secondo i resoconti dei media, anche senza una decisione da parte tedesca, l’Ucraina vuole addestrare soldati sui carri armati. Questo avverrà in Polonia. Il ministro della Difesa Oleksii Resnikov sembra essere d’accordo su questo con diversi paesi.

READ
Live ticker per i midterm: +++ 09:11 Quattro stati degli Stati Uniti decidono la maggioranza al Senato degli Stati Uniti +++

“Inizieremo con quello e poi continueremo”, ha detto l’emittente statunitense in lingua ucraina “Voice of America”. Resnikov ha descritto lo sviluppo della formazione come una svolta e attribuisce il successo agli sforzi della Polonia.

Nessuna svolta a Ramstein

Alla conferenza ucraina a Ramstein erano venerdì concordati ulteriori miliardi di aiuti per il Paese invaso dalla Russia – ma non la consegna dei carri armati “Leopard 2”.

Il nuovo ministro della Difesa federale Boris Pistorius ha ordinato in primo luogo un esame delle scorte di carri armati Leopard per una possibile consegna in Ucraina. Inoltre, i partecipanti all’incontro in Ucraina hanno promesso numerosi altri armamenti per scongiurare l’attacco russo.

Source link