Aiuti all’Ucraina: le spedizioni di armi statunitensi non sono in leasing

aiuti all’Ucraina
Le spedizioni di armi statunitensi non sono in leasing

Di Sebastian Schneider

La tesi perseguita Internet da molto tempo: gli Stati Uniti potrebbero provare ad arricchirsi con le loro forniture di armi da miliardi di dollari all’Ucraina. La base per questo dovrebbe essere il “Lend-Lease-Act”, che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato all’inizio di maggio e che era già utilizzato nella seconda guerra mondiale. Ma tali affermazioni sono infondate. Una panoramica.

Cosa hanno consegnato gli Stati Uniti?

A giudicare dall’elenco delle forniture militari fornite, nessun paese ha sostenuto l’Ucraina più degli Stati Uniti. Simile al governo federale tedesco, anche il governo degli Stati Uniti ne ha uno Panoramica dei materiali pubblicataprogettato per aiutare l’Ucraina a difendersi dalla brutale incursione della Russia.

L’elenco spazia dall’artiglieria e dai veicoli corazzati alle munizioni per vari sistemi e ai veicoli corazzati “Bradley”. Prima dell’incontro di Ramstein, gli Stati Uniti stimavano il proprio sostegno militare dall’inizio della guerra, il 24 febbraio, all’equivalente di 25,4 miliardi di euro.

Ma non si tratta solo di materiale militare. Oltre alle informazioni dei servizi segreti, gli Stati Uniti hanno finora promesso ulteriore aiuto. Secondo i numeri di Istituto di Kiel per l’economia mondiale ammontano a circa 25 miliardi di euro per il sostegno umanitario e finanziario all’Ucraina. A titolo di confronto, l’aiuto totale promesso per il Regno Unito, il secondo maggiore sostenitore, è di 7,05 miliardi di euro.

Ma come fanno gli Stati Uniti?

Ci sono diversi programmi per questo. Secondo i dati statunitensi, dall’agosto 2021 sono affluiti quasi 16 miliardi di dollari attraverso il cosiddetto potere di recupero del presidente “Autorità di prelievo presidenziale” (PDA). Il presidente degli Stati Uniti Biden può usarlo per inviare armi e altre attrezzature militari direttamente in Ucraina senza troppa burocrazia. I materiali di armamento provengono dalle scorte del Ministero della Difesa e sono coordinati dal Dipartimento di Stato. L’altezza del PDA è limitata, tuttavia, il Congresso degli Stati Uniti ha ripetutamente aumentato il limite.

Inoltre, ci sono numerosi altri modi. Secondo il governo degli Stati Uniti, circa 2,2 miliardi di dollari provenivano dal “Foreign Military Financing” (FMF), il sostegno finanziario delle forze armate straniere. Il programma fornisce garanzie e prestiti in modo che anche altri stati possano acquistare armi da esso. Non solo l’Ucraina ne beneficia, ma anche altri partner della NATO sul fianco orientale, in modo che possano ricostituire le proprie scorte.

E c’è un altro grande programma chiamato “Lend-Lease-Act”. Ciò consente inoltre agli Stati Uniti di consegnare materiale all’Ucraina senza burocrazia. Il presidente degli Stati Uniti Biden ha firmato la legge il 9 maggio dello scorso anno. È stata una giornata simbolica: in questa data la Russia celebra il “Giorno della vittoria” sulla Germania nazista. Allora, durante la seconda guerra mondiale, ci fu per la prima volta un “Lend-Lease-Act”. Dopo la sua firma nel 1941, la stessa Unione Sovietica ha beneficiato della legge e, come la Gran Bretagna e la Francia, ha ricevuto armi e attrezzature.

“Lend and Lease” significa che gli Stati Uniti prestano armi solo all’Ucraina?

No Nel dibattito, chi è vicino al Cremlino ama invocare questa legge. La tesi: gli Stati Uniti volevano solo arricchirsi e avrebbero chiesto ingenti somme all’Ucraina dopo la fine della guerra. Oppure, un’altra storia: gli Stati Uniti hanno chiesto all’UE di trasferire denaro a Kiev più rapidamente, solo per ritirarlo dalla stessa Ucraina poco tempo dopo.

Non c’è nulla di vero in tutte queste speculazioni. Secondo le proprie informazioni e quelle statunitensi, l’Ucraina non ha ancora ricevuto armi basate su questa legge. “In questo momento, stiamo cercando di sfruttare l’autorità di guardia del presidente per spedire attrezzature direttamente dagli inventari statunitensi”, ha affermato l’assistente del segretario alla difesa Laura Cooper. l’inizio di ottobre. “Perché a differenza del ‘Lend-Lease’ non ci sono clausole che prevedono rimborsi per apparecchiature danneggiate, per esempio”. Ecco perché rimani il PDA.

Oleh Nikolenko, portavoce del ministero degli Esteri ucraino, ha rilasciato una dichiarazione simile a metà dicembre. Il canale televisivo ucraino Hromadske.tv ha detto che il paese non ha ancora ricevuto alcuna fornitura attraverso il Lend-Lease Act. Invece, il supporto sarebbe fornito gratuitamente…

Source link

READ
Sacerdote tedesco scomparso nel Mali dell'Africa occidentale