Tesla ha tradito il pilota automatico – testimonia il dipendente

Tesla si vanta di stabilire lo standard per il supporto alla guida con il suo cosiddetto pilota automatico. C’erano molti trucchi nella pubblicità.

presentato nel 2016 Tesla un video che dovrebbe dimostrare le funzioni del “pilota automatico” chiamato sistema di assistenza. Per le condizioni in quel momento, le prestazioni sembravano impressionanti: la Model X apparentemente guida in modo completamente indipendente da una casa a Menlo Park, in California, all’ex quartier generale di Tesla a Palo Alto, sterza e frena in modo indipendente e infine parcheggia. Una didascalia recita: “La persona al posto di guida è lì solo per motivi legali. Non stanno facendo nulla. Quello Auto guida se stesso.” Il problema: il video è stato impostato, ma non c’era alcuna indicazione da nessuna parte.

Nel 2021, il “New York Times” ha citato fonti anonime che hanno ammesso la messa in scena del video. Ora un dipendente di Tesla ha chiarito ufficialmente alla corte che le scene erano state messe in scena. In una causa che coinvolge un dipendente Apple morto in un incidente Tesla, Ashok Elluswamy, capo del software del pilota automatico, ha dichiarato in tribunale di voler mostrare le possibilità del sistema e le future opzioni di espansione.

Elon Musk si vantava delle caratteristiche

Tesla-Boss Elon Musk ha ordinato il video e ha twittato quando è stato rilasciato: “La Tesla guida da sola (senza alcun intervento umano) attraverso strade cittadine, autostrade e strade e poi trova un parcheggio”.

Ma nella produzione del video, questo è stato completamente diverso: il viaggio era stato preparato in anticipo con mappe 3D, quindi il veicolo ha percorso un percorso programmato. Sono state messe in scena anche la sosta ai semafori e la marcia autonoma, così come la ricerca di un parcheggio: quando si doveva filmare il parcheggio, un veicolo è entrato nel recinto.

READ
Prezzo della benzina e prezzo del diesel: ecco come cambiano i prezzi del carburante all'inizio dell'anno

Conflitto su false promesse e incidenti mortali

Scene messe in scena per una clip pubblicitaria: non è una novità, qual è la cosa negativa, qualcuno potrebbe chiedere. La risposta sta in un conflitto sulle capacità del sistema di assistenza che cova da diversi anni. Tesla è stata a lungo nei guai con le autorità a causa del pilota automatico. La loro accusa è che l’azienda stia facendo false promesse e dando l’impressione che il sistema consenta alle auto elettriche di guidare autonomamente. Il nome “autopilota” ricorda anche un aeroplano che può effettivamente decollare e atterrare da solo. I clienti potrebbero avere l’impressione di essere sollevati dalla responsabilità di guidatori di mantenere il controllo dell’auto.

In effetti, ci sono sempre stati particolari nel Stati Uniti d’America Casi in cui le persone facevano affidamento sulla funzione, ignoravano il traffico o addirittura dormivano mentre guidavano lungo l’autostrada. Ci sono stati numerosi incidenti che si sono conclusi fatalmente. Inoltre, gli Stati Uniti sono molto più rigidi quando si tratta di pubblicità e avvertimenti rispetto, ad esempio Germania. Al fine di evitare azioni legali e costosi risarcimenti, le catene di fast food diversi anni fa hanno messo in guardia sulle tazze da caffè che il contenuto potrebbe essere caldo. Tesla mette anche in guardia sulla sua homepage contro l’uso improprio dell’Autopilot e scrive che la tecnologia è progettata per aiutare con sterzata, frenata, velocità e cambi di corsia, ma le sue funzioni “non rendono il veicolo autonomo”.

L’autopilota ha commesso errori di governo

Il pilota automatico di Tesla: gli incidenti sono accaduti ancora e ancora in passato.
Il pilota automatico di Tesla: il produttore statunitense promette un pacchetto di assistenza completo. (Quelle: Amanda Voisard/File Photo/Reuters-bilder)

Il caso in questione riguardava il dipendente Apple Walter Huang, la cui Tesla 2018 con il pilota automatico sull’autostrada 101 a California improvvisamente ha svoltato a sinistra verso uno spartitraffico in cemento e si è schiantato lì. La cosa tragica: secondo il Washington Post, l’auto aveva apparentemente mostrato questo comportamento diverse volte prima. Secondo la ricerca, Huang aveva un gioco aperto sul suo smartphone e aveva le mani staccate dal volante il 34% delle volte che guidava. Compresi gli ultimi sei secondi, quando l’auto ha improvvisamente accelerato ed è corsa verso la barriera.

Il National Transportation Safety Board ha concluso nel 2020 che il incidente probabilmente causato da precedenti distrazioni e limitazioni del pilota automatico. Il “monitoraggio inefficace dell’intervento del conducente” di Tesla ha contribuito all’incidente. Lo sviluppatore di Tesla Elluswamy ha affermato che i conducenti potrebbero ingannare il sistema. Potresti indurre l’autopilota a pensare che stai prestando attenzione girando leggermente il volante. Tuttavia, ha affermato di non vedere alcun problema di sicurezza con il pilota automatico se i conducenti sono vigili.

Source link