Accuse penali dopo un duetto televisivo con Beatrice Egli

PER L'ULTIMA VOLTA: LA GRANDE ROTTURA il 14 gennaio 2023 dal Media City Atelier di Lipsia Beatrice Egli e Florian Silbereisen Foto: osnapix PER L'ULTIMA VOLTA: LA GRANDE ROTTURA ...

Florian Silbereisen ha problemi dopo il suo spettacolo ARD.Immagine: IMAGO/osnapix

celebrità

Vera Sibnich

Florian Silbereisen ne ha avuti molti nel suo spettacolo “The Great Schlager Farewell”. Stelle ad ospite. Il programma è stato dedicato a Jürgen Drews, che dopo molti anni sul palco non si esibirà più dal vivo in futuro. Un duetto di Silbereisen e della sua collega Beatrice Egli, in particolare, ha fatto molto discutere. E non si fermano nemmeno giorni dopo la messa in onda dello spettacolo.

Perché Silbereisen e il vincitore del “DSDS” del 2013 avevano realizzato un classico assoluto. Su “1.000 e 1 notte” della Klaus Lage Band, i due hanno ballato, a volte abbracciandosi e suscitando molto scalpore Cinguettio ancora una volta per speculare sul fatto che potessero essere più che colleghi. Ma nel frattempo, un altro aspetto della performance è oggetto di accesi dibattiti, perché un cambio di testo nella canzone provoca molto clamore.

Florian Silbereisen riceve chiare critiche dopo la performance

Quando Silbereisen ed Egli si sono esibiti insieme in duetto sul palco “1.000 e 1 notte”, alcuni spettatori se ne sono accorti. Invece della riga di testo “Ti ricordi, abbiamo suonato gli indiani”, Silbereisen ha cantato: “Ti ricordi, abbiamo suonato insieme”. Un notevole cambiamento nei testi. Ma cosa significa?

Il termine “indiano” è spesso percepito come problematico oggi. come Informazioni ZDF spiegato, ciò è dovuto principalmente al fatto che gli indigeni non si definivano così. Il termine deriva dai governanti coloniali europei, cioè i loro nemici. È una generalizzazione perché serve come termine collettivo per diversi popoli indigeni che in realtà hanno i propri nomi, come i Maya o i Quechua. Ecco perché oggi non è più utilizzato.

READ
La moda fallisce? Emma Watson sfoggia un mega colletto a Parigi

Una persona non riesce a capire la decisione di cambiare il testo in “1.000 e 1 notte”: Diether Dehm. È uno degli autori della canzone che è stata pubblicata nel 1984. “Se la deturpazione di un’opera artistica protetta in Germania Se non fosse già una violazione del copyright, cioè un reato penale, Florian Silbereisen e Beatrice Egli dovrebbero andare in una struttura chiusa semplicemente a causa di grossolane sciocchezze”, ha scritto in una nota Facebook.

In esso fa anche un ulteriore passo avanti e dice che come autore ed editore della canzone ha presentato una denuncia penale. Dehm continua, nessuno dovrebbe cambiare il testo neanche in futuro, altrimenti prenderebbe provvedimenti anche contro di esso.

Ma insiste “non solo sulla fedeltà al testo”, ha continuato Dehm, “ma anche sul fatto che ai miei figli, nipoti e pronipoti sia permesso di ‘fare gli indiani’ dove e quando vogliono”. Una chiara dichiarazione e una chiara critica a Egli e Silbereisen.

Ci sono conseguenze legali per Silbereisen?

Tuttavia, non è noto se siano state effettivamente le due star del successo a modificare la riga di testo. Dehm afferma nel suo post che il cantante stesso ha cancellato la riga quando ha scritto:

“Silbereisen non aveva né il mio permesso né la minima competenza di gusto.”

Tuttavia, la decisione potrebbe essere stata presa dall’emittente o da qualcun altro. L’unica cosa certa è che Silbereisen ha presentato sul palco il testo modificato. Quindi resta da vedere se Dehm avrà successo con la sua causa e poi avrà seri problemi legali con Silbereisen.

D piuttosto no. Questa è stata la prima reazione alla richiesta di intervista di Watson all’ex regina della giungla Maren Gilzer per l’inizio di quest’anno di “I’m a star – get me out of here”: Sicuramente non vuole guardare la stagione in corso – e difficilmente lo farebbe avere altrimenti Per dire cose positive sullo spettacolo RTL, ha detto.

READ
La star di "Let's Dance" infuria contro Bahn: "Semplicemente inspiegabile"

Source link