Ucraina: Baerbock avverte di “stanchezza da guerra” negli stati occidentali

BIl segretario di Stato andino Annalena Baerbock ha messo in guardia dalla “stanchezza della guerra” negli stati occidentali. “Siamo arrivati ​​a un momento di stanchezza”, ha detto Baerbock a Kristiansand dopo una riunione dei ministri degli Esteri del Consiglio del Mar Baltico. Tuttavia, le sanzioni contro la Russia e gli aiuti all’Ucraina devono essere mantenuti. Il crescente scetticismo è anche legato al fatto che la guerra d’aggressione russa sta portando a un aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari. Ma questa è proprio la tattica usata dal presidente russo Vladimir Putin. Ecco perché è così importante continuare a sostenere l’Ucraina.

Critiche al corso di tedesco a sostegno dell’Ucraina Baerbock come segno positivo. Le critiche dimostrano quanto siano stretti il ​​legame e l’amicizia con i paesi partner, ha affermato Baerbock durante una conferenza stampa. “Ci si può criticare apertamente solo se ci si fida l’uno dell’altro.” Baerbock ha tenuto la conferenza stampa insieme alla sua controparte norvegese Ine Marie Eriksen Söreide e al ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis.

I due hanno valutato in modo diverso il precedente ruolo della Germania nel sostenere l’Ucraina nella guerra difensiva contro la Russia. Söreide ha detto di essere “molto grata” sia a Baerbock personalmente che alla Germania per aver cambiato la loro strategia di politica estera dopo l’attacco russo. Landsbergis, invece, ha detto che all’inizio della guerra aveva chiesto al popolo lituano di mostrare “pazienza” con Berlino. “È ancora la mia posizione”, ha detto.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori dei contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “on”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e tramite privacy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel live ticker:

15:41 – Ucraina: il tempo di esportare 22 milioni di tonnellate di grano stringe

L’Ucraina ha avvertito che il tempo sta finendo per le esportazioni di grano. Circa 22 milioni di tonnellate di grano dovrebbero essere portate fuori dall’Ucraina prima dell’inizio della stagione del raccolto, ha affermato il deputato Yevheniya Kravchuk al World Economic Forum di Davos. “Abbiamo circa un mese e mezzo.” In caso contrario, le capacità di stoccaggio sono esaurite. A causa del blocco russo dei porti ucraini del Mar Nero, il grano non può essere spedito all’estero. Il capo della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha definito “vergognoso” il blocco russo e ha accusato il presidente Vladimir Putin di usare il cibo come arma con ripercussioni globali.

READ
A causa dell'affare "Partygate": sempre più Tory per il voto di sfiducia contro Johnson

15:07 – La violazione delle sanzioni russe dovrebbe essere punita in modo uniforme nell’UE

La Commissione Ue vuole criminalizzare le violazioni delle sanzioni dell’Ue alla Russia. L’autorità di Bruxelles ha presentato una proposta per standardizzare la procedura contro l’elusione delle sanzioni in tutti i 27 Stati membri. Questo per garantire che i beni di individui e organizzazioni che violano le sanzioni possano essere effettivamente confiscati in futuro, ha affermato il commissario alla giustizia Didier Reynders. La violazione delle sanzioni dell’UE è attualmente un reato penale in dodici paesi dell’UE. In 13 paesi è punito come reato penale o come reato minore. In due paesi è trattato solo come un reato amministrativo.

14:49 – Mosca chiede la revoca delle sanzioni per risolvere la crisi del grano

Vista la crisi alimentare causata dalla guerra contro l’Ucraina, la Russia continua a insistere per allentare le sanzioni occidentali, ma è disposta a parlare. Secondo l’agenzia Interfax, il viceministro degli Esteri Andrei Rudenko ha chiesto la revoca delle misure punitive imposte all’industria delle esportazioni e al settore finanziario russi. Inoltre, l’Ucraina deve sminare tutti i porti, ha chiesto. La Russia sarebbe quindi pronta a garantire un “passaggio umanitario”.

14:44 – Mosca annuncia lo scambio di prigionieri con l’Ucraina dopo i processi in tribunale

Russia…

Source link