In Champions League – Eintracht lotta contro l’esclusione degli spettatori – Bundesliga

L’Eintracht si rafforza per la Champions.

L’avvocato interno Philipp Reschke (49) sarà il nuovo quarto membro del consiglio, insieme al precedente trio con il portavoce Axel Hellmann (50), il boss del calcio Markus Krösche (41) e il CFO Oliver Frankenbach (54), il cui contratto sarà esteso in anticipo fino al 2026. Lo ha annunciato il portavoce Philip Holzer (55) mercoledì dopo la riunione del consiglio di sorveglianza di Francoforte.

Il contratto di Reschke durerà inizialmente fino al 2023. Si occuperà dei settori della legge, dei tifosi, del servizio agli spettatori e delle risorse umane. Il consulente legale, che lavora per l’associazione dal 2001, ha principalmente lo scopo di sostituire Hellmann.

I primi compiti di Reschke: l’Eintracht è curioso di vedere come punirà l’Uefa l’attacco al West Ham quando centinaia di tifosi hanno preso d’assalto il campo dopo aver raggiunto la finale e i giocatori hanno festeggiato?

Reschke: “Dobbiamo risolverlo con i tifosi. Ma non siamo stati l’unico club ad avere una tempesta di fan. E non vogliamo perderci nemmeno queste immagini dopo la vittoria contro il West Ham. Anche se avranno il loro prezzo”. Possibile esclusione di spettatori in Champions League.


CFO Oliver Frankenbach

CFO Oliver FrankenbachFoto: Michael Kreft

Dal canto suo, l’Eintracht ha già ufficialmente sporto denuncia all’Uefa durante la finale di Siviglia contro le condizioni inaccettabili dello stadio Pizjuan. Un’ora prima della finale non c’erano più drink ai chioschi dello stadio – a 30 gradi!

Reschke: “Con un po’ di fortuna, abbiamo evitato per un pelo una storia peggiore! Per molti spettatori, quello che hanno passato con il caldo è stato pericoloso per la loro salute”.

L’Eintracht e gli avversari finali Rangers raccolgono lettere e lamentele dagli spettatori sulle condizioni indegne di Siviglia. Reschke: “Dobbiamo attenerci alla Uefa come organizzatore. Ma il fornitore di servizi nello stadio è l’FC Sevilla. E ciò che era stato promesso nella riunione di due giorni prima semplicemente non si è avverato”.

Il CFO Frankenbach, che controlla il registratore di cassa del club dal 1998, è stato anche finanziariamente felice della vittoria della Coppa dei Campioni dopo 42 anni. Avremo una perdita di circa 23 milioni di euro nella stagione 2021/22. Prenderlo in Champions League aiuta. Anche se noi, come quinto partecipante tedesco, otteniamo meno degli altri quattro”.

Frankenbach stima il fatturato per la stagione in corso (senza detrarre i costi) in circa 235 milioni di euro. Ma sa che il futuro rimarrà difficile.

“A causa di Corona, abbiamo calcolato le perdite la scorsa stagione e abbiamo comunque investito. Ora possiamo ridurre queste perdite”, afferma Frankenbach, “ma dobbiamo anche fare i conti con le misure di afflusso di capitali. Perché nessuno sa cosa potrebbe portarci Corona in autunno; e perché non possiamo presumere che sopravviveremo semplicemente alla fase a gironi di Champions League”.

Source link

READ
La Ferrari gioca di nuovo