Assassinio di strada: membro della Brigata Kuds ucciso a Teheran

Attacco in strada
Membro della Brigata Kuds assassinato a Teheran

La Brigata Kuds è considerata il servizio segreto iraniano. Nella capitale, Teheran, un membro del Bund viene ucciso a colpi di arma da fuoco per strada. Nel frattempo, cinque sospetti agenti del Mossad vengono arrestati in città. L’incidente potrebbe aggravare la situazione con Israele.

Un membro del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane (IRGC) è stato ucciso a colpi di arma da fuoco per strada a Teheran. Secondo l’emittente statale Irib, l’attacco è avvenuto in un quartiere a sud-est della capitale. La vittima era quindi un membro delle Brigate Kuds, attive anche in Siria.

Secondo l’agenzia di stampa Tasnim, l’uomo morto era il colonnello Sayad Khodai. Due uomini su una motocicletta hanno superato il veicolo di Khodai e hanno aperto il fuoco.

Nel frattempo, le Guardie Rivoluzionarie iraniane hanno riferito di aver arrestato presunti membri di una rete del servizio segreto israeliano Mossad. Secondo il sito web dell’IRGC, i “rivoltosi” che si ritiene lavorino per il Mossad in Iran sono stati arrestati. Sono accusati di rapimento e furto, tra le altre cose.

L’Iran considera Israele il suo acerrimo nemico. Ci sono sempre stati politici e religiosi iraniani che hanno messo in dubbio l’esistenza di Israele. Israele attualmente vede la sua più grande minaccia esistenziale nel programma nucleare e missilistico iraniano. L’Iran e il suo alleato Hezbollah hanno ampliato la loro presenza in Siria negli ultimi anni. L’aviazione israeliana ha ripetutamente attaccato obiettivi nel paese vicino per impedire all’Iran di prendere piede lì.

Teheran sostiene anche i nemici di Israele nella regione, come la milizia libanese Hezbollah e le organizzazioni militanti palestinesi Hamas e la Jihad islamica. Israele si è opposto con veemenza alla richiesta di Teheran di rimuovere le Guardie Rivoluzionarie dalla lista dei terroristi statunitensi.

Source link

READ
Gas per l'Africa occidentale e l'Europa: pipeline del piano Marocco e Nigeria