Chi ha dormito peggio ieri notte: Lewis Hamilton

Lewis Hamilton

L’era di Lewis Hamilton in Formula 1 è più vicina alla fine che all’inizio

Ingrandisci

Cari lettori,

quando sono andato a dormire domenica sera avevo un’idea abbastanza fissa di chi avrei fatto dormire male la mia colonna lunedì mattina dopo Barcellona.

La scena al 7° giro, quando i tifosi spagnoli hanno celebrato per la prima volta il sorpasso di Fernando Alonso ai danni di Sebastian Vettel, prima che il loro tripudio si interrompesse improvvisamente quando Carlos Sainz andò in testacoda mentre frenava alla curva 4, per me era cambiata, se non altro per questo il componente emotiva – abbastanza impressa.

Ma che Sainz non è uno Schumacher alla Ferrari, ma un Barrichello, che alla lunga rimarrà il numero 2 al fianco dell’eccezionale talento Charles Leclerc (e che la Ferrari potrebbe anche tornare utile perché storicamente hai sempre avuto più successo con un chiaro distribuzione dei ruoli) , Questo è una colonna che ho scritto in precedenza l’11 aprile di quest’anno, dopo il Gran Premio d’Australia a Melbourne.

Quindi ho dovuto inventare qualcos’altro.

Chi altro non ha dormito bene?

Adottiamo un approccio molto pragmatico:

Sebastian Vettel? La sua Aston Martin ora è una copia della Red Bull, solo molto più lenta. Il suo contratto scade a fine anno. E con la squadra di Lawrence Stroll, nonostante tutti i soldi che sono stati investiti e nonostante tutto lo staff che Stroll sen. preso in camicia dal suo (ex?) amico Toto Wolff e dalla Red Bull, nessun progresso. ma Vettel era lì dopo l’apertura della stagione in Bahrain.

READ
Giro di Spagna: Nikias Arndt ora terzo assoluto alla Vuelta

Sainz? Era a Melbourne. Charles Leclerc? Have ich nach Imola verrissen. Inoltre, il numero 1 (non ufficiale) della Ferrari potrebbe aver perso il Gran Premio di Spagna, ma lo ha fatto domenica con l’auto più veloce in campo. Leclerc ha detto in una chiamata Zoom con noi rappresentanti dei media quella sera che dopo Miami, dove è arrivato secondo, era di umore molto peggiore rispetto al fallimento di Barcellona. Quindi non si adatta neanche.

Mike Schumacher? Ah, Mike! Come vorrei poter parlare positivamente dei suoi successi nelle mie varie apparizioni in live streaming, podcast e in televisione. Perché mi piace il ragazzo (davvero!) e sono impressionato dal fatto che sia persino arrivato all’apice del motorsport.

Ma il fatto che il suo debutto nelle prime 10 qualifiche in Germania sia stato salutato come un grande risultato è stato comunque piuttosto superficiale, poiché a un esame più attento non ha resistito al suo compagno di squadra Kevin Magnussen. E il… Oh, ce l’ho anch’io tutto già scritto e proprio sabato nel nostro Streaming live sul canale YouTube Formel1.de detto.

Perché Hamilton potrebbe aver dormito male

Anche Lewis Hamilton. Una scelta che a prima vista può sembrare discutibile.

Dopo che lui e la sua squadra sono stati battuti più o meno nei primi cinque Gran Premi, il pilota Mercedes ha onestamente riso per la prima volta dopo tanto tempo a Barcellona. Quando la sua W13 venerdì è stata davvero competitiva grazie ai nuovi aggiornamenti, gli è stato scritto un sorriso sul volto.

Le cose stanno finalmente andando avanti con le frecce d’argento, i cui giorni d’oro, come ho già detto quest’anno, sembrano essere finiti. Forse la W13 dimostrerà ancora quello che Toto Wolff ha detto per settimane, ovvero che i dati di carico aerodinamico del concetto zero-pod nella galleria del vento sono mozzafiato e che l’auto dovrebbe teoricamente far saltare le orecchie a tutti se solo la “focena” dovesse essere dimenticato il controllo è.


READ
Jürgen Klopp probabilmente vuole portare il portiere di seconda divisione Drewes al Liverpool

Mercedes con una bella gara a Barcellona: “Sarebbe andata per la vittoria”

La Mercedes è tornata nelle prime posizioni a Barcellona. Il boss del team Toto Wolff con una dichiarazione di guerra a Ferrari e Red Bull.

Hamilton non ha dormito male a causa della collisione con Kevin Magnussen al primo giro, come si potrebbe pensare, né per il radiatore dell’acqua bollente, a causa del quale ha perso il suo combattuto quarto posto contro Sainz senza combattere nella giri finali.

No, penso che Hamilton abbia dormito male per un motivo completamente diverso. Perché deve fare molto male per un sette volte campione del mondo essere indietro in quasi tutte le discipline in un duello contro il suo unico compagno di squadra di 24 anni, che non ha mai vinto in 66 gare di Formula 1.

Russell vs Hamilton: i numeri parlano da soli

I numeri nudi si leggono così: 46:74 punti iridati, 1:5 di saldo nelle gare, 3:4 nelle qualifiche (sprint di Imola compreso). E sì, un paio di volte Hamilton è stato sfortunato con le safety car e altri in…

Source link