Guerra contro l’Ucraina: i partigiani ucraini contrattaccano contro gli invasori russi

Dil sindaco della città ucraina meridionale nominato da Mosca Energodar fu ferito in un’esplosione. Ha la conferma che il sindaco filo-russo Andrei “Shevchik e le sue guardie del corpo sono rimasti feriti nell’esplosione”, ha detto domenica a Telegram Dmytro Orlov, sindaco eletto dell’Ucraina di Enerhodar. Sono in ospedale con “ferite diverse”. Altrimenti nessuno è rimasto ferito.

Ne ha riferito anche l’amministrazione militare ucraina della regione di Zaporizhia. “L’autoproclamato capo dell’amministrazione popolare di Enerhodar Andriy Shevchik è stato ferito da un’esplosione all’ingresso del condominio dove vive sua madre”, ha detto l’agenzia sul suo canale Telegram domenica sera. È stato un attacco partigiano mirato contro un collaboratore, ha detto.

Enerhodar si trova vicino a Zaporizhia ed è il sito della più grande centrale nucleare d’Europa. Le truppe russe hanno preso il controllo lì alla fine di febbraio. Sulla sponda opposta del fiume Dnepr e pochi chilometri a nord, Zaporizhia è ancora detenuta dall’Ucraina.

DWO_AP_Ostukraine_Gebiete_2205_1

Fonte: Infografica MONDO

L’agenzia di stampa russa Ria Novosti, citando una fonte dei servizi di emergenza, ha riferito che Shevchik era in terapia intensiva. Secondo gli ambienti della sicurezza, l’esplosione sarebbe stata innescata da un “ordigno esplosivo improvvisato”, come riportato dall’agenzia di stampa.

Secondo l’amministrazione militare ucraina, le forze di occupazione russe stanno ora cercando due giovani a bordo di un’Audi rossa. Avrebbero anche rafforzato i posti di blocco. Secondo le sue stesse dichiarazioni, lunedì la commissione investigativa russa ha avviato un procedimento penale “per il crimine dei nazionalisti ucraini”.

Qui è dove troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile alla trasmissione e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori dei contenuti incorporati richiedono tale consenso in quanto fornitori di terze parti [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “on”, accetti questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e tramite privacy in fondo alla pagina.

“I casi segnalati di attività partigiana ucraina contro funzionari che collaborano e sistemi di artiglieria russi a Enerhodar e Melitopol indicano una resistenza ucraina continua e organizzata nei territori occupati”, commenta l’Institute for the Study of War, un think tank che sostiene l’osservazione della situazione militare in Ucraina . A Melitopol, si dice che alcuni giorni fa i partigiani abbiano fatto saltare in aria il treno blindato di un occupante.

Ma ci sono anche ripetute segnalazioni di attacchi e misteriose esplosioni dalla stessa Russia. Quindi ha rotto solo il 21 maggio. presso l’Istituto Centrale di Aeroidrodinamica di Schukoswsky vicino a Mosca un fuoco spento. Una settimana prima ci sono stati attacchi a tre uffici di reclutamento dell’esercito russo e sono stati ripetutamente segnalati incendi ed esplosioni in edifici governativi in ​​varie città.

Alla fine di aprile, i depositi di petrolio nella città russa di Bryansk sono esplosi

Alla fine di aprile, i depositi di petrolio nella città russa di Bryansk sono esplosi

Quelle: dpa/Uncredited

Nel frattempo, ha stimato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy Perdite giornaliere delle proprie truppe al fronte nell’Ucraina orientale da 50 a 100 soldati. “Oggi tra le 50 e le 100 persone possono morire su quello che per noi è il fronte più difficile nell’est del nostro Paese”, ha detto Zelenskyj, secondo l’agenzia di stampa RBK-Ucraina, in una conferenza stampa congiunta con il presidente polacco Andrzej Duda domenica . “Proteggono la nostra libertà e indipendenza, di cui si parla in tutto il mondo.” Con le elevate perdite ha giustificato il rifiuto di una petizione per consentire agli uomini in età militare di lasciare l’Ucraina.

Più di recente, il presidente ucraino ha rivelato le proprie perdite a metà aprile. In quel momento parlò di un totale di circa 3.000 soldati ucraini morti dall’attacco russo del 24 febbraio. Tuttavia, l’Ufficio del Presidente ha cifre esatte…

Source link

READ
Magistratura in Russia: detenzione nei campi nonostante la lealtà