News ticker sulla guerra in Ucraina di lunedì (23 maggio): il sindaco dell’occupazione russa nei territori conquistati cade vittima di un attacco

Vladimir Putin e Alexander Lukashenko durante una visita al cantiere dell’Amur Space Launch Complex nell’aprile 2022.

© imago-immagini

È guerra in Ucraina. Da tre mesi. E la fine delle ostilità non è ancora in vista. Mariupol è caduto. Infuria ancora un’aspra lotta, soprattutto nel Donbass. La notizia di lunedì (23 maggio).

Altro sul conflitto in Ucraina:

Aggiornamento, 8:35 – La Bielorussia sta raccogliendo forze al confine con l’Ucraina

L’ex repubblica sovietica della Bielorussia, che finora non ha partecipato attivamente alla guerra russo-ucraina, secondo le informazioni di Kiev, le forze si stanno radunando al confine. “Le forze armate bielorusse stanno conducendo una maggiore ricognizione e hanno istituito unità aggiuntive nella zona di confine”, ha affermato lunedì lo stato maggiore ucraino nel suo rapporto sulla situazione. Di conseguenza, permane il pericolo di attacchi missilistici e aerei contro l’Ucraina dal territorio bielorusso.

Il sovrano bielorusso Alexander Lukashenko non ha preso parte con proprie truppe alla guerra contro l’Ucraina iniziata dalla Russia a fine febbraio. Tuttavia, le truppe russe sono state autorizzate a utilizzare il paese come area di sosta per l’attacco. Kiev quindi non vede Minsk come neutrale e teme che i soldati bielorussi possano potenzialmente intervenire nel conflitto da parte della Russia. Lukashenko, che lunedì incontrerà il presidente russo Vladimir Putin a Sochi, ha sempre negato tali intenzioni.

Secondo lo stato maggiore, ci sono pochi cambiamenti nei combattimenti nella stessa Ucraina orientale: i russi stanno cercando di difendere le loro posizioni nel nord di Kharkiv, e più a sud stanno preparando una nuova offensiva contro la città di Sloviansk. Quando tentò di prendere il villaggio di Dowgenke a ovest della strada strategicamente importante tra Izyum e Sloviansk, l’esercito russo fu respinto.

READ
Alina Kabaeva: Qui è dove risiedeva la First Lady di Putin in Svizzera

Secondo le informazioni ucraine, anche gli attacchi della notte in direzione di Sievjerodonetsk e Bakhmut non hanno avuto successo. Nella zona di Avdiivka, Kurakhove, Novopavlivka e in direzione di Zaporizhia, i combattimenti sono diminuiti, ha affermato il portavoce di stato maggiore Olexandr Stupun. Un totale di undici attacchi nemici furono respinti. A causa delle elevate perdite, la Russia ora deve riattivare i carri armati T-62 dismessi per equipaggiare le unità di riserva. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Aggiornamento, 8.20 – Politici con gravi accuse: la Russia vuole “spazzare intere città”

Secondo il deputato ucraino Dmytro Lubinets l’occupazione russa nell’Ucraina orientale sta cercando di “spazzare via intere città”. Soprattutto, l’infrastruttura civile viene attaccata, ha affermato lunedì Lubinets Rivista mattutina ARD secondo la traduzione dell’emittente. Ciò riguarda la rete elettrica e le tubazioni dell’acqua, ma anche scuole e ospedali. “Sembra che i russi non stiano combattendo le forze ucraine, ma l’intero popolo”, disse il parlamentare. Pertanto, l’Ucraina fa appello all’opinione pubblica internazionale affinché riconosca la situazione come un genocidio del popolo ucraino.

Il governo ucraino sta facendo ogni sforzo per organizzare l’evacuazione dei civili dalle aree contese, ha affermato Lubinets. Ha respinto l’affermazione di Mosca secondo cui gli ucraini sarebbero stati portati in salvo in Russia. “La propaganda russa, come sempre, distorce i fatti”, ha detto il politico. “I russi stanno costringendo le persone a evacuare in Russia, cioè con l’uso della forza”. Tra i rapiti c’erano molti bambini.

Aggiornamento 7:37 – Selenskyj ammette perdite elevate nell’Ucraina orientale

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha valutato tra i 50 ei 100 soldati le perdite giornaliere delle sue stesse truppe sul fronte dell’Ucraina orientale. “Oggi tra le 50 e le 100 persone possono morire su quello che per noi è il fronte più difficile nell’est del nostro Paese”, ha detto Zelenskyj, secondo l’agenzia di stampa RBK-Ucraina, in una conferenza stampa congiunta con il presidente polacco Andrzej Duda domenica . “Proteggono la nostra libertà e indipendenza, di cui si parla in tutto il mondo”. Con le elevate perdite, ha giustificato il rifiuto di una petizione per consentire agli uomini in età militare di lasciare l’Ucraina.

READ
'Che il suo dolore sia insopportabile': l'odio disgustoso della regina dell'ala sinistra | politica

Più di recente, il presidente ucraino ha rivelato le proprie perdite a metà aprile. In quel momento parlò di un totale di circa 3.000 soldati ucraini morti dall’attacco russo del 24 febbraio. Tuttavia, l’Ufficio del Presidente ha rifiutato di fornire cifre precise. Questo è un segreto di guerra, hanno ragionato i consiglieri presidenziali…

Source link