Quarantena del vaiolo delle scimmie imposta nel paese dell’UE – L’OMS vede la necessità “urgente” di agire

  1. Pagina iniziale
  2. Livido

Creato:

Von: Jennifer Lanzinger, Christoph Gschossmann

vaiolo delle scimmie
Questa micrografia elettronica mostra il virus del vaiolo delle scimmie maturo di forma ovale (l) e i virioni immaturi sferici (r) derivati ​​da un campione di pelle umana. © Cynthia S. Goldsmith/Russell Regner/CDC/AP/dpa

I casi di infezione da vaiolo delle scimmie negli esseri umani sono in aumento. Gli esperti sollecitano la vigilanza. L’OMS chiede un pacchetto di misure.

Aggiornamento dal 22 maggio alle 18:05: I casi di vaiolo delle scimmie continuano ad aumentare in diversi paesi. L’OMS vede un bisogno “urgente” di agire. Un primo paese dell’UE ha ora introdotto una quarantena per le persone infette. “Ogni giorno vengono rilevati più casi” nel Regno Unito. il ulteriori sviluppi sul virus del vaiolo delle scimmiepuoi seguire nel nostro nuovo ticker.

Aggiornamento dal 22 maggio alle 16:00: Un numero crescente di casi di vaiolo delle scimmie viene segnalato in diversi paesi. Il Belgio è probabilmente il primo Paese a introdurre una quarantena obbligatoria per le persone infette. Lo riferisce, tra l’altro, da Bild e gli inglesi Mail giornaliera. Di conseguenza, le persone infette devono isolarsi per 21 giorni. Finora le persone di contatto non avrebbero dovuto essere state colpite dalla quarantena del vaiolo delle scimmie.

Altri casi si sono verificati anche in Germania. C’è però Vaccini e farmaci che proteggono dalle infezioni può, come heidelberg24.de segnalato.

Monkeypox: primo caso sospetto in Austria

Aggiornamento dal 22 maggio alle 15:06: Ora c’è anche il primo caso sospetto di vaiolo delle scimmie in Austria. Secondo le informazioni dell’ORF, domenica notte un 35enne è stato portato in un ospedale di Vienna. Presenta quindi i sintomi tipici, come una leggera febbre e pustole sul viso.

READ
"La domanda è ridicola": il tribunale elettorale respinge la denuncia di Bolsonaro

Aggiornamento dal 22 maggio alle 13:25: Il numero di rilevamenti di vaiolo delle scimmie continuerà ad aumentare nel prossimo futuro. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e altri esperti si aspettano questo. Per fermare la diffusione, è “urgentemente necessario” sensibilizzare sulla malattia virale, ha affermato sabato sera l’OMS a Ginevra. Inoltre, i casi dovrebbero essere identificati e isolati in modo completo e le vie di infezione dovrebbero essere tracciate. Gli esperti non vedono motivo di preoccupazione per il pubblico in generale.

Tre casi di malattia virale sono stati ora confermati in Germania, uno a Monaco e due a Berlino. A partire da sabato, l’OMS segnala circa 90 infezioni confermate e 30 casi sospetti in paesi in cui il virus, originario dell’Africa occidentale e centrale, non si verifica normalmente.

Le infezioni sono atipiche perché la maggior parte delle persone colpite non ha mai viaggiato in questi paesi. Il fatto che i casi si trovino in tutta Europa suggerisce che il virus è stato trasmesso da un po’. In Europa, finora sono stati segnalati casi da Spagna, Gran Bretagna, Francia, Italia e Svizzera. C’erano prove della malattia anche in Australia, Canada e Stati Uniti.

La Svizzera segnala anche il suo primo caso di vaiolo delle scimmie

Aggiornamento dal 21 maggio alle 19:03: La Svizzera segnala ora anche il primo caso di infezione da virus del vaiolo delle scimmie. Il dipartimento della sanità del cantone di Berna riferisce che la persona interessata sarebbe stata probabilmente infettata all’estero. La persona malata era in trattamento ambulatoriale e isolata a casa, ha detto. Tutti i contatti sono stati informati.

Un portavoce dell’ospedale Ichilov di Tel Aviv ha anche annunciato il primo caso di vaiolo delle scimmie in Israele. Un uomo di 30 anni che è tornato di recente dall’Europa occidentale con i sintomi della malattia infettiva è risultato positivo al virus.

READ
Incidente aereo in Grecia: otto corpi recuperati dal relitto di Antonov

I Paesi Bassi emanano i requisiti di segnalazione del vaiolo delle scimmie

Aggiornamento dal 21 maggio alle 18:32: Il Servizio sanitario nazionale dei Paesi Bassi (RIVM) ha ora emesso un obbligo di notifica per il vaiolo delle scimmie. I medici devono quindi informare l’autorità non appena sospettano un’infezione da virus. Ci sono già stati due casi confermati di vaiolo delle scimmie nei Paesi Bassi. L’obbligo di denuncia ha lo scopo di tenere sotto controllo il processo di infezione in una fase iniziale e di adottare contromisure, come la quarantena per le persone infette.

La Svezia classifica il vaiolo delle scimmie come una malattia pericolosa

Aggiornamento dal 21 maggio alle 10:07: Dopo il primo caso confermato di infezione da vaiolo delle scimmie in Svezia, il governo del Paese ha…

Source link