Lezioni di Formula 1 dalla Spagna: Verstappen sfida la DRS, Vettel vuole farsi una doccia

Lezioni di Formula 1 dalla Spagna
Verstappen sfida il DRS, Vettel vuole farsi una doccia

Il duello diventerà presto una lotta a tre? Con un’auto migliorata, la Mercedes si aspetta le sue possibilità di vincere il titolo di Formula 1. Max Verstappen in particolare ha ancora un netto vantaggio. I piloti tedeschi continuano a seguirlo.

Max Verstappen ha sei punti di vantaggio su Charles Leclerc dopo la sesta gara di Formula 1 dell’anno. Le cose restano serrate per il campione del mondo con la Red Bull e per lo sfidante con la Ferrari. E dopo il dramma del caldo a Barcellona, ​​ora è nella patria di Leclerc.

Domenica prossima ci sarà già la guida nelle stradine di Monaco. Lì, il 24enne vuole dimenticare rapidamente il suo amaro fallimento in Spagna. Verstappen può vincere nel principato per la quarta volta consecutiva dopo il trionfo del Barcellona.

Verstappen scettico anche dopo quattro vittorie in sei gare

Resta il fatto: il campione del mondo sfrutta al massimo ciò che la sua Red Bull gli offre. E dopo tre vittorie di fila, al momento sono sufficienti per la leadership in campionato. In una lunga stagione, tuttavia, potrebbe diventare un problema per Verstappen il fatto che la sua macchina abbia un carattere lunatico. Per due volte la gara ha rinunciato completamente allo spirito, in Spagna il DRS è diventato una seccatura. L’ala pieghevole non ha funzionato nella fase decisiva delle qualifiche, in gara ha funzionato solo secondo l’umore. Alla fine, il verdetto di Verstappen è stato abbastanza mite, dopotutto aveva vinto. Nella cabina di pilotaggio, invece, sembrava decisamente scosso dalle difficoltà successive. Non diventi campione del mondo con questi problemi.

Anche la Ferrari ha problemi di affidabilità

All’inizio sembrava una passeggiata verso la vittoria, ma poi è finita amaramente per Charles Leclerc. A causa di problemi al motore, dopo 28 giri ha dovuto parcheggiare la sua Ferrari nel box. Invece di allungare il vantaggio in Coppa del Mondo, il monegasco è ora alle spalle di Verstappen in vista della gara casalinga di domenica prossima nel Principato. Il difetto è da approfondire nello stabilimento di Maranello. “La sensazione che i piloti hanno avuto in macchina è stata positiva”, ha dichiarato a Sky il team boss Mattia Binotto: “Abbiamo trovato l’approccio giusto, quindi possiamo ancora vedere il weekend in positivo”. È stato il primo difetto alla Scuderia, Verstappen è già stato eliminato due volte nel 2022.

La Mercedes è sempre più in agguato dietro i top team

A quanto pareva non stava fischiando nel bosco. La Mercedes ha parlato molto per due buone settimane, l’ultima a Miami e ora ancora di più a Barcellona, ​​ma sono seguiti anche i risultati. George Russell ha offerto una resistenza impressionante a Max Verstappen, Lewis Hamilton ha attraversato il campo a una velocità impressionante dopo un incidente iniziale ed è stato votato pilota del giorno. Le frecce d’argento sono state ancora una volta un fattore nella lotta per il titolo in Spagna, anche se in modo più indiretto. Se confermano questa ripresa, quest’anno potrebbero esserci ancora regolari battaglie a tre tra le migliori squadre. Il consulente della Red Bull Helmut Marko ritiene che i campioni del mondo della serie potranno presto vincere di nuovo da soli.

Vettel positivo anche senza punti in campionato sulla nuova Aston Martin

Sebastian Vettel non ha avuto un weekend facile. Ha mancato di poco un punto in campionato all’undicesimo posto, e poi c’è il dibattito sulla sua nuova macchina. Poiché l’Aston Martin superata sembra spaventosamente simile alla Red Bull, ci sono accuse di imbroglione. Sebbene la FIA, l’associazione mondiale degli sport motoristici, abbia approvato le modifiche, l’argomento dovrebbe tenere impegnato il team inglese per un po’. Il 34enne Vettel preferisce concentrarsi sul suo lavoro. Il nuovo pacchetto sulla sua vettura aziendale indica la strada per un futuro migliore: “Stiamo facendo progressi e andiamo avanti, ecco di cosa si tratta”. Dopo la gara è entrato energicamente nella zona mista. “Non vedo l’ora di fare la doccia”, ha detto.

Mick Schumacher rimane un mistero

Per un giro o due sembrava che potesse essere una grande domenica per Mick Schumacher. Dopo un’ottima partenza e una fase iniziale turbolenta, si è ritrovato improvvisamente al sesto posto. Ma poi Schumacher non riusciva più a tenere il passo nella parte alta del centrocampo e nemmeno la strategia era l’ideale. Se la Haas fosse andata bene come l’ultima volta a Miami, molto sarebbe stato possibile, ma è stato superato. È difficile dire se in questo caso sia stata più l’auto o l’autista, a causa dell’incidente prematuro di Kevin Magnussen…

Source link

READ
Prossimo spettacolo di Lewandowski per il Barça - Crime in Madrid